Fabiana Macaluso disegna 100 donne in Una con dedica speciale a Barbara d’Urso: il maxi murales a Milano e l’appello a Carmelita
11 Ottobre 2021
bassetti
Bassetti boccia il green pass: ‘Vale la pena eliminarlo in questa forma’ e sull’obbligo vaccinale…
12 Ottobre 2021

Carlo Acutis, si festeggia oggi 12 ottobre il Beato che divulgava la fede cristiana sul web

Carlo Acutis

La beatificazione di Carlo Acutis è avvenuta il 10 ottobre 2020 ad Assisi ed è stata preceduta da una serie di eventi in memoria del giovane deceduto il 12 marzo 2006 a causa della leucemia. Aveva appena 15 anni ed affrontò con dignità e coraggio la terribile malattia. Un esempio di speranza e fede per tutti i giovani con Papa Francesco che l’ha proclamato venerabile il 5 luglio 2018.

La storia di Carlo Acutis

Carlo Acutis era nato a Londra dove si erano temporaneamente trasferiti i genitori, Andrea e Antonia Salzano, esponenti dell’alta borghesia milanese che si erano trasferiti temporaneamente in Inghilterra per motivi di lavoro. Dopo pochi mesi il ritorno nel capoluogo lombardo dove Andrea ha frequenato le scuole medie ed elementari presso le suore Marcelline e il Liceo Classico presso i Gesuiti dell’istituto Leone XIII. A sette anni la prima comunione, ricevuta con un permesso speciale.

Testimoniava la sua fede sul web, la morte a 15 anni per leucemia fulminante

La sua devozione lo portava quotidianamente a partecipare alla messa ed a recitare il rosario. Aveva come modello i Santi Francesco e Giacinta Mara, San Domenico Savio, San Luigi Gonzaga e San Tarcisio. Amava l’informatica ed attraverso i siti web realizzati testimoniava la sua fede e, per tale motivo, è stato ribattezzato il santo protettore di Internet. Organizzò una mostra sui miracoli eucaristici che è presente anche online. Si ammalò improvvisamente di leucemia fulminante e morì il 12 marzo 2006.

Il programma di avvicinamento alla beatificazione iniziò il 1° ottobre del 2020 al santuario della Spogliazione con una messa alla quale presero parte anche i genitori di Carlo. Successivamente fu aperta la tomba con il corpo del giovane che rimase visibile fino al 17 ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *