Solofra, precipita dal terzo piano mentre pulisce i vetri: Antonella muore a pochi giorni dalle nozze
20 Novembre 2021
Reggio Emilia, 34enne sudamericana trovata morta nel parco: la donna accoltellata alla gola, fermato l’ex
20 Novembre 2021

Esplosione San Felice a Cancello, ustioni fatali: Giuseppina non ce l’ha fatta, il marito era stato trovato morto

Un lungo applauso l’aveva accompagnata verso l’ambulanza dopo che i vigili del fuoco erano riusciti ad estrarla viva dalle macerie della palazzina in Piazza Castra Marcelli a San Felice a Cancello, in provincia di Caserta. Giuseppina Samaciccio è deceduta all’ospedale Cardarelli di Napoli dove era arrivata intubata e con ustioni sul 70% del corpo. Con il trascorrere delle ore il quadro clinico della 74enne è peggiorato fino alla triste notizie del decesso nella mattinata di sabato 20 novembre. Tra le macerie dello stabile era stato trovato privo di vita Mario Sgambato, il marito della donna.

Giuseppina Samaciccio era stata estratta ancora in vita dalle macerie della palazzina di Piazza Castra Marcelli

Le urla dell’anziana avevano richiamato l’attenzione dei soccorritori che con l’ausilio dei cani molecolari erano riusciti ad individuarla e a tirarla fuori dal disastro provocato dalla violenta esplosione. Il dramma intorno alle 6:50 di venerdì 19 novembre con la palazzina di Piazza Castra Marcelli che si è sgretolata in pochi istanti. L’esplosione sarebbe stato provocata da una fuga di gas. Secondo quanto ipotizzato dai Carabinieri e dai Vigili del fuoco intervenuti sul posto, la fuga di gas avrebbe saturato una delle stanze della villetta, nella quale vivevano due coniugi.

Il marito della donna, Mario Sgambato, è stato trovato morto nella camera da letto, schiacciato da una trave. Secondo i primi riscontri sarebbe morto sul colpo. Probabilmente l’esplosione è avvenuta dopo che uno dei due ha acceso una luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *