Angela da Mondello ricoverata in ospedale per Covid, lo sfogo social: ‘Guardatevi le spalle’
22 Giugno 2022
Sfera Ebbasta diventa papà, le dediche del rapper e di mamma Angelina Lacour per Gabriel
22 Giugno 2022

Funerali Elena Del Pozzo: l’Arcivescovo chiede misericordia, la rabbia della folla: ‘Assassina’

Le parole dell’Arcivescovo Luigi Renna da una parte, dall’altra lo sfogo della gente comune che si è recata alla cattedrale di Catania per dare l’ultimo saluto ad Elena Del Pozzo, uccisa a 4 anni dalla madre, Martina Patti, a Mascalucia.

La bara bianca e la foto di Elena con il camice da medico
L’uscita del feretro di Elena dalla cattedrale di Catania

‘Su un muro si chiedeva tormento eterno per la mamma, non credo che Elena sarebbe d’accordo’

Ho letto su un muro della nostra città una frase che chiedeva riposo eterno per Elena e tormento eterno per la sua mamma. Non credo che la piccola Elena sarebbe d’accordo con quelle parole” – afferma l’Arcivescovo durante l’omelia sottolineando che ai figli non bisogna imparare l’odio e la violenza delle parole sui social e sui muri “già abbastanza sporchi” della città. “Siamo sempre pronti a lapidare qualcuno che ha sbagliato” – ha aggiunto.

Ma la tensione si taglia a fette e vedere quella piccola bara con la foto della bimba con il camice da medico per imitare la zia fa aumentare la rabbia attende l’uscita dalla Cattedrale del feretro per darle l’ultimo saluto.

Papà Alessandro è inconsolabile, così come i nonni paterni, Johnny e Sara, e l’amata zia ‘Bubu’. Ci sono anche i genitori di Martina Patti che non erano citati in uno dei manifesti funebre condivisi sui social. In tanti indossano una maglietta bianca con il volto di Elena Del Pozzo. Difficile trattenere le lacrime anche per chi non è familiare né conoscente. Elena è la figlia, la sorella e la nipote di tutti.

La nonna di Elena Del Pozzo
Il papà di Elena, Alessandro Del Pozzo, circondato dalla folla

Presenti anche i genitori di Martina Patti ai funerali di Elena Del Pozzo: cori, palloncini bianchi e maglia speciale

E quando la bara lascia la cattedrale le parole di misericordia di Monsignor Renna lasciano spazio alla rabbia della gente. “Deve morire, deve morire” – ripetono in tanti al grido “assassina”. “Anche l’avvocato la deve abbandonare. Come può una madre uccidere la figlia. I bambini non si toccano”. I palloncini bianchi ed i cori per Elena lasciano spazio alle invettive per Martina Patti.

L’Arcivescovo aveva citato  il pedagogista polacco Janusz Korczak durante l’omelia sottolineando che gli adulti dovrebbero alzarsi sulle punte dei piedi per stare all’altezza dei bambini. “Quando sono contesi, barattati nella loro dignità e nei loro diritti, diventano ostaggio dalla nostra incapacità d’amare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.