Alessandra Bartis, la.. Lady più amata di OnlyFans: ‘Mio marito prova piacere nell’essere tradito’
7 Agosto 2020
Juventus-Lione Twitter
Juventus-Lione 2-1, bianconeri fuori: meme ironici e sfottò sul web
7 Agosto 2020

Il Codacons: ‘In Italia solo il 42% delle spiagge libere è balneabile’

spiaggia

Con un’istanza alle prefetture di tutta Italia, il Codacons solleva la questione dell’accesso alla spiaggia e chiede ai Prefetti della penisola di garantire immediatamente, in favore della collettività, il diritto alla fruibilità delle spiagge libere su tutto il territorio italiano, anche attraverso “interventi correttivi e sanzionatori nel caso di inosservanza dei limiti già disposti dalla normativa nazionale, regionale e comunale tra le aree concesse a soggetti privati e gli arenili liberamente fruibili”.

‘I prefetti devono garantire l’accesso alla spiaggia libera’

L’associazione, in caso di accertate violazioni, ha chiesto inoltre ai Prefetti di emettere ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi e, in caso di ulteriore inosservanza, di trasmettere gli atti alla Procura della Repubblica territorialmente competente per abusiva occupazione di spazio demaniale e inosservanza di limiti alla proprietà privata.

Il problema sollevato dall’Associazione è vecchio di decenni, ma ciò nonostante – incredibilmente – non gli è mai stata data soluzione. Neanche in vista di questa estate, e nonostante la domanda di spiagge libere (complice la crisi economica) sia in rapida ascesa.

‘Le concessioni balneari interessano il 50% delle spiagge italiane’

Anche quest’anno, insomma, trovare un posto libero dove prendere il sole liberamente e gratuitamente è difficilissimo: aumentano, infatti, le concessioni balneari, che a oggi interessano oltre il 50% delle spiagge italiane. Senza contare che l’8% delle coste non risultano balneabili, perché il mare è inquinato.


“Adesso basta: anche alla luce della difficoltà economica delle famiglie, bisogna garantire ai cittadini la possibilità di scegliere spiagge libere e gratuite” – dichiara il presidente Carlo Rienzi.

“Bisogna intervenire con fermezza per risolvere tutte le situazioni illegali o abusive, ripristinando la funzione pubblica e sociale di quelle spiagge e quelle coste che oggi risultano inaccessibili e occupate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *