Selina Boido
Padova, muore a 48 anni dieci giorni dopo la somministrazione del vaccino, il marito: ‘Voglio sapere cosa è successo’
24 Maggio 2021
Donnarumma
Milan, la stoccata di Salvini a Donnarumma: ‘La maglia non ha prezzo’
25 Maggio 2021

Partita del cuore, Eros Ramazzotti si scusa con Aurora Leone dei The Jackal: ‘La Nazionale Cantanti non c’entra, non siamo sessisti’

Aurora Leone

La Partita del cuore è un evento con finalità benefiche che va in scena dal 1992 e che vede in prima linea la Nazionale Italiana Cantanti. Nobili finalità che sono state macchiate da un brutto episodio verificatosi alla vigilia dell’evento in programma martedì 25 maggio e trasmesso per la prima volta in diretta da Canale 5 in prima serata dopo essere stato un appuntamento fisso sui canali Rai.

Aurora Leone: ‘Mi hanno detto che in quanto donna non potevo stare al tavolo della Nazionale cantanti’

Aurora Leone dei The Jackal, convocata per la squadra dei Campioni per la ricerca, ha raccontato via social di essere stata allontanata dal tavolo della Nazionale cantanti in quanto donna durante la cena al J Hotel, nei pressi dell’Allianz Stadium di Torino. “Non può stare seduta qui”. Inizialmente l’artista, in compagnia di Ciro Priello, ha pensato che si trattasse solo di una questione di tavolo.

L’organizzatore mi ha detto che in quanto una donna non potevo stare lì, gli ho spiegato che non ero l’accompagnatrice di Ciro e che ero stata convocata. A questo punto mi ha detto che non poteva spiegarmi i motivi per i quali non potevo stare al tavolo e mi ha invitato a sedermi ad un altro tavolo”.

La comica convocata con Ciro Priello per I Campioni per la Ricerca

I due comici si sono spostati ad un altro tavolo. “Ci ha raggiunto credo il direttore della Nazionale cantanti che ci ha spiegato che c’era stato un problema in quanto non potevamo stare lì in quanto della squadra avversaria ma gli ho rappresentato che la questione era stata posta in altri termini”. Aurora Leone ha ribadito che non era l’accompagnatrice di Ciro Priello e che era stata convocata per la squadra dei Campioni per la ricerca e che aveva inviato anche le misure per il completino.

‘Mi ha detto il completino te lo puoi mettere in tribuna, le donne non giocano’

“Mi ha detto il completino te lo puoi mettere in tribuna, le donne non giocano. Queste sono le regole, Ciro si è arrabbiato e siamo stati cacciati dall’albergo per questo motivo”. Successivamente l’artista ha pecisato di aver ricevuto le scuse di alcuni cantanti tra cui Eros Ramazzotti oltre che la solidarietà della Fondazione Piemontese per la Ricerca per il cancro. “Non giocheremo ma voi continuate a donare perché quella è la finalità principale” – hanno sottolinato Aurora Leone e Ciro Priello.

Il comunicato rimosso e le scuse di Eros Ramazzotti: ‘Ci incontreremo con Aurora e Ciro’

Successivamente è stato condiviso sulle pagine social della Nazionale Cantanti un comunicato che ha provocato ulteriori polemiche. Il post è stato rimosso mentre Eros Ramazzotti sul profilo Instagram ha preso le distanze dall’accaduto. “Noi della NIC (Nazionale italiana cantanti) non siamo stati coinvolti direttamente nella vicenda scaturita dal comportamento di due persone dello staff. Stavamo parlando tra di noi mentre cenavamo, abbiamo sentito delle voci alzarsi senza capire cosa stesse succedendo. Io ho provato a recuperare la situazione che era oramai precipitata.

Avremo un incontro con Aurora e Ciro per spiegare meglio la dinamica dell’avvenimento e scusarci pubblicamente dell’accaduto. Non siamo sessisti, razzisti o omofobi, anzi ognuno fa qualcosa per chi ha bisogno. Per un comportamento incauto di due persone dello staff non possiamo passare per quello che non siamo” – ha precisato Eros Ramazzotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *