Anticipazioni Uomini e Donne, Maria De Filippi sorprende Matteo Ranieri: l’ex di Sophie nuovo tronista
29 Ottobre 2021
Morto Rossano Rubicondi a 49 anni, dalle nozze con Ivana Trump a L’Isola dei Famosi: le cause del decesso
29 Ottobre 2021

Vietato abbigliamento indecoroso a Terni, il sindaco si difende a Pomeriggio 5: ‘Sono i cittadini a chiederlo, vogliamo contrastare la prostituzione’

Prova a difendersi il sindaco di Terni dopo il provvedimento che ha indignato l’Italia intera. In sintesi Leonardo Latini ha disposto un’ordinanza che vieta “l’abbigliamento indecoroso o indecente” nella sua città per contrastare la prostituzione. “Bentornati nel Medioevo, dopo il DDL Zan anche questo” – hanno commentato numerosi utenti.

Leonardo Latini a Pomeriggio 5: ‘Non è un provvedimento liberticida’

Ospite della puntata del 29 ottobre di Pomeriggio 5 il primo cittadino ha provato a spiegare i motivi che l’hanno spinto ad emanare il discusso dispositivo che vieta minigonne ed abiti succinti. “Volevo precisare che nessuno ha vietato a Terni l’utilizzo di minigonne e scollature. L’ordinanza bisogna contestualizzarla altrimenti si può pensare che si tratta di un provvedimento liberticida. L’ordinanza va nella direzione di contrastare lo sfruttamento della prostituzione oltre che le situazioni di degrado e di insicurezza nei parchi della città”.

Affermazioni che non hanno del tutto convinto Barbara d’Urso e gli ospiti in studio, “Lei parla di abbigliamento indecoroso e indecente” – ha spiegato la conduttrice mentre una delle opinioniste ha sottolineato che la prostituzione si sviluppa soprattutto negli appartamenti alimentata da chat e siti web.

Il primo cittadino di Terni: ‘Sono i cittadini a chiederlo’

“Siamo consapevoli di ciò ma dobbiamo contrastare il fenomeno con gli strumenti che abbiamo anche perché sono i nostri cittadini a chiederlo. Dobbiamo fidarci delle nostre forze dell’ordine che sicuramente sapranno individuare comportamenti inequivocabili finalizzati alla prostituzione“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *