GF Vip, Alex Belli si confronta con Soleil dopo la freddezza dell’influencer: ‘Sono andato contro il mondo per te’ (VIDEO)
11 Novembre 2021
Incidente mortale A4, muore il 60enne Stefano Pantanali: choc alla Molino Moras
11 Novembre 2021

Dazn doppia utenza, la piattaforma fa dietrofront dopo la rivolta degli abbonati ma denuncia gli abusi contrattuali

Dazn fa dietrofront dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla questione della doppia utenza. La piattaforma britannica, titolare dei diritti in esclusiva della serie A di calcio e di altri eventi sportivi, ha chiarito che non ci sarà nessuna modifica delle condizioni contrattuali nella stagione in corso. “Nel rispetto di coloro che usano in modo corretto la condivisione e con l’obiettivo di tutelare l’interesse dei nostri abbonati, nessun cambio verrà introdotto nella stagione in corso”. Lo rende noto Dazn in una nota, precisando la propria posizione sullo stop alla visione in contemporanea su due device con un singolo abbonamento. L’indiscrezione de ‘Il Sole 24 ore’, aveva scatenato la rivolta degli abbonati e del Codacons

La nota di Dazn: ‘Nessun cambio verrà introdotto nel rispetto di coloro che usano in maniera corretta la condivisione’

Nella nota stampa Dazn ha evidenziato altresì i comportamenti scorretti di diversi utenti. “Nelle condizioni di utilizzo è chiaramente indicato che il servizio Dazn e tutti i contenuti visualizzati attraverso lo stesso sono ad esclusivo uso personale e non commerciale. Inoltre la password deve essere mantenuta al sicuro, i codici di accesso non devono essere condivisi con nessuno o essere in altro modo resi accessibili ad altri”. Inoltre viene precisato che l’abbonamento dà diritto all’utilizzo del Servizio Dazn su un massimo di due dispositivi contemporaneamente.

‘Confidiamo in una riflessione seria e concreta sul tema degli abusi contrattuali e della pirateria’

L’utente accetta che i dati di login siano unici per lo stesso e non possano essere condivisi con altri. Per concludere, auspichiamo che l’attenzione sollevata dalle indiscrezioni circolate, porti ad una riflessione seria e concreta sul tema degli abusi contrattuali e della pirateria, aspetti che riguardano tutto il mondo delle OTT e non solo Dazn”. Non è da escludere che la piattaforma decida per lo stop alla visione in contemporanea su due diversi device dalla prossima stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *