Bambina di 4 anni precipita dal balcone a Treviso, passante la afferra a volo
21 Giugno 2022
Torino, il cantante Giorgi denuncia aggressione omofoba: ‘Massacrato di botte da 3 persone’
22 Giugno 2022

La reginetta della bellezza ed ex Miss Brasile è morta all’età di 27 anni dopo che un’operazione di routine alle tonsille. Gleycy Correia, originaria di Macae, nel sud-est del Brasile, è deceduta il 20 giugno dopo che l’operazione per “emorragie massicce che hanno provocato un arresto cardiaco”.

La modella è spirata dopo 77 giorni di coma nella clinica privata che aveva scelto per l’operazione. : “Gleycy sarà sempre ricordata per la sua illuminata bellezza, gioia ed empatia” – così Miss Brazil Official ha ricordato la 27enne.

Gleycy Correia è deceduta dopo 77 giorni di coma: l’arresto cardiaco dopo emorragie in serie

Come riferito dal pastore Jak Abreu sui social la famiglia di Gleycy Correia è convinta ci sia stato un errore durante l’operazione. Il suo corpo è stato inviato all’Istituto di medicina legale di Macae per l’autopsia che è stata effettuata nelle scorse ore. Gleycy era una star dei social media con oltre 52.000 follower su Instagram che durante il periodo del coma è stata gestita dai parenti che esortavano i fan a pregare affinché la giovane si risvegliasse.

Prima di diventare reginetta di bellezza aveva raccontato le sue umili origini affermando che aveva iniziato a lavorare quando aveva appena  8 anni come manicure in un salone di bellezza.

Le origini umili ed il lavoro di manicure quando aveva appena 8 anni

“Non sono nato nell’oro, vengo da una famiglia molto umile, ma ne sono così orgogliosa, davvero orgogliosa”. il sacerdote di famiglia,  Lidiane Alves Oliveira, ha spiegato che la 27enne ha avuto un’emorragia cinque giorni dopo l’operazione.

“E’ andata all’Unimed ed ha avuto un arresto cardiaco il 4 aprile e da allora era in coma senza attività neurologica”. Gleycy Correia era stata incoronata Miss United Continents Brazil e Miss Costa do Sol nel 2018. I funerali sono stati celebrati martedì 21 giugno.

Gleycy Correia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.