Incendio Ponte dell’Industria a Roma, paura e black out nella Capitale: crolla passerella (VIDEO)
3 Ottobre 2021
Aereo caduto a San Donato Milanese: chi sono le vittime del disastro, c’è un facoltoso uomo d’affari
3 Ottobre 2021

Aereo precipita a San Donato Milanese, un bimbo tra gli 8 morti del Pilatus schiantatosi su un edificio: ‘Potevano esserci gli operai’

Otto persone hanno perso la vita nello schianto di un aereo da turismo ( Pilatus Pc-12) su un palazzo in costruzione a San Donato Milanese non distante dalla fermata della metropolitana. Il veicolo, decollato da Linate in direzione Olbia (Sardegna), è precipitato, per cause in corso d’accertamento, nella mattinata di domenica 3 ottobre.

L’aereo da turismo è partito da Linate in direzione Olbia, morti piloti e passeggeri

Per il pilota, il co-pilota e i passeggeri del piper non c’è stato nulla da fare. Secondo le prime informazioni alla guida del veicolo c’era un cittadino di origine tedesca e tra i passeggeri ci sarebbe una cittadina francese. Il motore del Pilatus avrebbe preso fuoco prima che l’aereo da turismo perdesse quota e precipitasse. Tra le vittime un bambino. La struttura sulla quale si è schiantato l’aereo da turismo ha preso fuoco e le colonne di fumo sono visibili anche a distanza di chilometri. L’edificio era in costruzione e sarebbe stato adibito a parcheggi e uffici.

In fiamme l’edificio in costruzione, il titolare dei lavori: ‘Lunedì ci sarebbero stati gli operai’

L’allarme è scattato alle 13:09 con la centrale operativa di Areu che ha ricevuto le prime segnalazioni riguardo il drammatico incidente. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi. Quattro ambulanze, un’auto medica ed un elicottero sono giunti tra via Marigliano e via Ottobre 2011. Sul posto anche i vigili del fuoco, gli agenti della polizia locale e gli uomini della polizia di Milano. “Sembrava la scena di un film” – ha riferito un testimone mentre la titolare di una pizzeria ha affermato di aver visto il corpo di un bimbo privo di vita.

Il bilancio sarebbe stato più tragico se lo schianto fosse avvenuto in un giorno feriale come confermato dal titolare dal direttore dei lavori, Michele Puglisi, del palazzo di due piani che ha preso fuoco. “Domani (lunedì) ci sarebbero stati gli operai. Il palazzo era destinato ad ospitare la stazione degli autobus di Autostazioni Milano, che gestisce San Donato e Lampugnano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *