Galles al mondiale dopo 64 anni: il gesto di Bale davanti ai tifosi ucraini, Yarmolenko reclama un rigore
5 Giugno 2022
Gambolò, 85enne sulla sedia a rotelle uccide il figlio della badante: l’ipotesi sul motivo della lite
5 Giugno 2022

Attacco chiesa Nigeria, 50 morti a Owo: ‘Assalto vile e satanico’

Uomini armati hanno lanciato un assalto a una chiesa cattolica nello stato di Ondo in Nigeria durante la messa di domenica 5 giugno, uccidendo più di 50 persone.

L’attacco è avvenuto a Owo durante la messa nel giorno della Pentecoste, morti diversi bambini

Secondo i funzionari locali, gli aggressori hanno preso di mira la chiesa cattolica di San Francesco Saverio nella città di Owo mentre i fedeli si radunavano la domenica di Pentecoste. Hanno sparato ai parrocchiani e fatto esplodere un ordigno esplosivo, hanno riferito i media locali.

Numerosi i feriti con gli ospedali locali che sono quasi al collasso. Secondo il legislatore, Ogunmolasuyi Oluwole, ci sono diversi bambini tra i deceduti. “Attacco vile e satanico” – ha dichiarato il  Arakunrin Oluwarotimi Akeredolu il governatore dello stato di Ondo.

Dall’ipotesi dell’attentato terroristico alla rappresaglia contro il Governo per le restrizioni imposte

Sunday Ajibola, un volontario in uno degli ospedali della città, ha detto di aver visto “almeno 50 cadaveri” e molti altri con ferite da proiettili ed esplosivi curati dai medici. Gli ospedali locali stavano facendo appelli urgenti per il sangue. L’attacco si ritiene sia stato compiuto da terroristi di etnia Fulani che già in passato si sono resi artefici di attentati nel nord della Nigeria. Non è da escludere che l’accaduto sia collegato alle recenti restrizioni imposte dal governo statale a Ondo per fronteggiare i conflitti tra pastori e allevatori.

Il Vaticano ha fatto sapere che il Papa, informato dell’attacco in Nigeria alla chiesa perpetrato durante la celebrazione della Pentecoste, “prega per le vittime e per il Paese, dolorosamente colpiti in un momento di festa, e affida entrambi al Signore, perché invii il Suo Spirito a consolarli”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.