Sampdoria-Salernitana 1-2, pagelle e highlights: la rivincita del comandante Fazio, sublime Ederson
16 Aprile 2022
Jessica Selassié spiega su Instagram perché non segue più Barù
17 Aprile 2022

Fondi, muore a 13 anni dopo aver mangiato un panino con il salame: disposta autopsia

É morta ad appena 13 anni dopo aver mangiato un panino col salame nella serata di giovedì 14 aprile. Martina Quadrino, residente a Fondi, in provincia di Latina, aveva approfittato della bella giornata di sole e dell’inizio delle vacanze pasquali per una passeggiata con le amiche.

Martina Quadrino si è sentita male dopo aver fatto merenda con le amiche

Ha acquistato un panino col salame per rifocillarsi ma poco dopo averlo mangiato ha iniziato a sentirsi male ed ha preferito rientrare a casa. Le sue condizioni sono progressivamente peggiorate con i genitori che hanno prontamente chiamato gli operatori del 118 che hanno trovato ormai la ragazzina esamine ed hanno tentato di rianimarla ma Martina non si più ripresa ed è deceduta.

Si sospetta che a provocare la morte della ragazzina possa essere stato uno shock anafilattico provocato dall’alimento presente nel panino. Secondo quanto riferito da Repubblica.it i gestori del locale avrebbero chiesto ai ragazzi se qualcuno soffriva di allergie o intolleranze. Sulla vicenda indagano i carabinieri di Fondi con la Procura di Latina che ha aperto un fascicolo e disposto l’autopsia per accertare le cause del decesso della tredicenne.

Sospetta morte per shock anafilattico, aperta inchiesta e disposta autopsia

Toccherà al medico legale nominato dal pm titolare dell’inchiesta, Valerio De Luca, far luce sull’improvviso malore che ha portato alla morte della ragazzina. Dopo l’esame la salma sarà restituita alla famiglia per le esequie. Lo shock anafilattico è una reazione allergica improvvisa, che in pochi minuti coinvolge tutti gli organi e può portare all’arresto cardio-respiratorio.

I soggetti più a rischio sono quelli con allergie gravi e gli alimenti più coinvolti sono: latte, uova, arachidi e pesce. Se il paziente soffre di asma, nei casi più gravi può anche bastare solo l’odore di un alimento per scatenare la reazione allergica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.