Favara, il figlio si toglie la vita: la madre 84enne non regge al dolore e muore
7 Aprile 2022
Cugini di Campagna bestemmia, Fausto Brizzi aveva previsto la squalifica a L’Isola dei Famosi (VIDEO)
7 Aprile 2022

Borse Chanel distrutte dalle influencer russe, Maryna Yermoshkina: ‘No alla russofobia’

Clamorosa protesta delle influencer russe che hanno distrutto pubblicamente le borse Chanel nel tentativo di mostrare il loro patriottismo e disprezzo per l’Occidente a seguito della decisione dell’azienda di non vendere più i suoi prodotti alla Russia, a causa dell’invasione di Ucraina.

L’attrice ha lanciato la challenge: ‘Discrimina le persone in base alla nazionalità’

Lo ha riferito l’agenzia ucraina Unian e ha sottolineato che l’attrice Maryna Yermoshkina è stata la prima a fare quel passo. La star russa ha affermato che l’azienda francese Chanel “umilia i suoi connazionali e discrimina le persone in base alla loro nazionalità”. “I soldi non valgono l’amore per il Paese” – ha sottolineato.  “Per noi ragazze russe, la presenza di Chanel nella nostra vita non gioca alcun ruolo.

Siamo sempre stati il ​​volto di questo marchio, siamo stati noi che, fin da ragazzine, ci siamo posti l’obiettivo di acquistare una borsa di questo marchio. E li abbiamo comprati. Ma non una sola borsa, non una sola cosa vale il mio amore per il mio paese, non vale il mio rispetto per me stessa” – ha aggiunto l’attrice influencer che ha precisato che ama la Russia ed è contro la russofobia: “Sono contro un marchio che sostiene la russofobia“.

L’attrice russa Maryna Yermoshkina

Anna Kalashnikova: ‘Mi è stato impedito di acquistare prodotti Chanel anche a Dubai’

L’iniziativoa di distruggere le borse della celebre casa francese è stata seguita anche dalla celebre dj Katya Guseva e dalla conduttrice televisiva Victoria Bonya.  L’influencer Anna Kalashnikova ha dichiarato su Instagram che le è stato impedito dei acquistare di prodotti Chanel a Dubai. “Chanel dice che sta semplicemente rispettando le sanzioni dell’Unione europea che vietano la vendita in Russia di beni di lusso di prezzo superiore ai 300 euro” – ha precisato la BBC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.