principe harry papà
Harry e Meghan, giovedì santo con incontro a sorpresa con la Regina e il principe Carlo
14 Aprile 2022
immagini venerdì santo whatsapp
Immagini venerdì santo 15 aprile 2022 per WhatsApp
15 Aprile 2022

Il ministero della Difesa russo ha annunciato che l’incrociatore Moskva è affondato. Gli scenari divergevano per più di 24 ore sul futuro della nave in fiamme. Di certo la barca è finita in fondo al Mar Nero con posizioni divergenti sulle cause che hanno provocato i gravissimi danni. “Durante il traino dell’incrociatore Moskva al porto di destinazione, la nave ha perso stabilità a causa dei danni allo scafo subiti durante l’incendio a seguito della detonazione delle munizioni. In condizioni di mare agitato la nave è affondata” – ha affermato il ministero, come riportato dall’agenzia statale TASS.

Il ministero della Difesa russo: ‘Dopo l’incendio la nave è affondata mentre veniva rimorchiata per il mare agitato’

Le autorità hanno anche affermato che era in corso il rimorchio della nave e che l’equipaggio di diverse centinaia di persone era stato evacuato su altre navi della flotta russa nel Mar Nero. Nella notte tra mercoledì 13 e giovedì 14 aprile il ministero russo aveva riconosciuto danni significativi alla nave. La nave da guerra russa nel Mar Nero è stata colpita da missili ucraini. Il governatore dell’oblast di Odessa, colonnello Maksym Marchenko, ha riportato una versione diversa rispetta a quella fornita dai russi. Su Telegram aveva scritto: “I nostri missili antinave Neptune hanno colpito e causato danni gravissimi all’incrociatore russo”. 

L’Ucraina rivendica: ‘Moskva colpito dai nostri missili antinave Neptune’

Una ulteriore conferma del fatto che l’Ucraina avrebbe colpito l’incrociatore russo è nelle parole del consigliere di Zelensky, Oleksiv Arestovych, il quale aveva annunciato “una sorpresa è avvenuta con l’ammiraglia della flotta russa del Mar Nero”. L’incrociatore affondato è lo stesso che il 24 febbraio dette l’ultimatum per la resa ai 13 marinai ucraini sull’Isola dei Serpenti con le parole, gridate attraverso un megafono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.