Federica Pellegrini
Federica Pellegrini ufficializza il fidanzamento con Matteo Giunta e fa chiarezza sulle nozze
28 Luglio 2021
Libero Di Rienzo
Libero De Rienzo, arrestato spacciatore che gli avrebbe ceduto eroina: effettuava ‘consegne a domicilio’
28 Luglio 2021

Le migliori canzoni sul poker di sempre

poker

Sono davvero tanti i brani musicali che raccontano il poker e che fanno riferimento ai bluff, alle vittorie, alle sconfitte e alle espressioni imperturbabili tipiche dei giocatori che si siedono ai tavoli verdi.

Con la sua grande fama e influenza sulla cultura di massa, il gioco del poker ha ispirato i testi dei brani di moltissimi artisti. Dal pop rock all’heavy metal, dal country al soul, cantanti e band hanno tradotto in parole e musica le cadute e i successi, gli alti e i bassi di uno dei giochi di carte più conosciuti al mondo.

Il poker nella cultura pop

Grazie alla diffusione di Internet, il poker è entrato nelle case di milioni di persone da un angolo all’altro del pianeta. Siti come 888poker offrono la possibilità di svagarsi responsabilmente con tante varianti di gioco (Texas Hold’em, Omaha, tornei PKO e cash game), in un ambiente totalmente sicuro e affidabile. Il poker online è divertente, comodo e pratico, perché consente di giocare in qualsiasi momento e da qualunque luogo.

Essendo diventato un vero e proprio fenomeno pop, non deve stupire il fatto che il poker ha ispirato la musica con la sua capacità di suscitare sentimenti ed emozioni profonde. Ecco allora le migliori canzoni di sempre – tra vere e proprie hit e brani un po’ meno conosciuti – che fanno riferimento a questo amatissimo gioco.

Poker Face

La canzone di Lady Gaga è divenuto un successo planetario con più di 9,5 milioni di copie vendute nel 2009. Il titolo è preso proprio dal mondo del poker, e allude senza mezzi termini alla capacità di mantenere un’espressione imperturbabile di fronte agli avversari. Nel brano, l’espressione poker face si riferisce ai raggiri che la cantante deve fare per attrarre un uomo o una donna con l’obiettivo di sottrarre loro del denaro.

The Gambler

Scritto da Don Schlitz, cantautore di Nashville, il brano è stato interpretato da vari artisti country – tra cui Johnny Cash – prima di diventare un successo planetario nella versione di Kenny Rogers. Le parole della canzone invitano l’ascoltatore a comportarsi nella vita reale come si comportano i giocatori nelle partite di poker, che sanno distinguere tra un’occasione (tenere le carte, hold’em) e un rischio (lasciare la partita, fold’em).

Viva Las Vegas

Inclusa nella colonna sonora del film omonimo, Viva Las Vegas è un inno agli eccessi e alle migliaia di neon scintillanti (your neon flashin’) della capitale del gioco d’azzardo. Divenuta una delle più grandi hit di Elvis, il Re del Rock, racconta le emozioni vissute ai tavoli di gioco tra slot machine, roulette e partite di poker che richiedono un cuore forte e nervi d’acciaio (a strong heart and a nerve of steel).

Ace of Spades

Il più celebre brano dei Mötorhead tratta proprio del gioco d’azzardo. Ace of Spades (l’asso di picche delle carte da poker) è una tra le canzoni più coverizzate della band heavy metal londinese. Nel pezzo si menziona “la mano dell’uomo morto” (the dead man’s hand), che nel gergo pokeristico rappresenta una doppia coppia composta da due assi e due 8 neri (di picche o fiori). La mano in questione è quella di Wild Bill Hancock, un leggendario personaggio del Far West noto per la sua nomea di pistolero infallibile e giocatore di poker abituale, ucciso proprio mentre teneva in mano una coppia di otto e una di assi di fiori e picche.

Luck Be a Lady

Tratto dal movie musical Guys and Dolls del 1955, il brano è noto per essere stato interpretato da Frank Sinatra. Nel testo un giocatore ivoca la dea fortuna, chiedendole di non dimenticare i modi gentili che si addicono a una signora (at times you have a very un-lady-like way), di rimanere al suo fianco e di non aggirarsi per la sala da gioco andando a soffiare sui dadi di qualcun altro (a lady doesn’t wander all over the room, and blow on some other guys dice ndblow on some other guys).

Conclusioni

C’è davvero tanto musica che racconta il mondo del poker. Quale miglior accompagnamento per la prossima partita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *