Roma, allontanata la nomade: l’86enne rientra nella casa occupata abusivamente ma trova un’amara sorpresa
5 Novembre 2021
Rossano Rubicondi, a Pomeriggio 5 l’audio all’amico del 20 ottobre e la verità sulle cure (VIDEO)
5 Novembre 2021

GF Vip, nuovo scivolone di Alex Belli: ‘Le donne sono provocatorie ed allora è giusto che siano picchiate?’ (VIDEO)

“Le donne sono provocatorie ed allora è giusto che vengano picchiate dai mariti?”. Alex Belli continua a far discutere per le sue esternazioni all’interno della casa del GF Vip. L’attore è tornato sullo scontro con Aldo Montano ed ha fatto un esempio che ha fatto sbottare Jo Squillo che riteneva che i suoi toni fossero provocatori. “Ma te sei fuori a dire una roba del genere. Ma secondo te le donne vengono picchiate perché sono provocatorie. Per piacere Alex, che cag… stai dicendo”. Anche Davide Silvestri, amico del 38enne, ha fatto notare che l’esempio non era calzante. “Cambiamo discorso. Non tiriamo fuori un argomento che non centra niente”.

Alex Belli torna sulla discussione con Montano e fa arrabbiare Jo Squillo: ‘Ma te sei fuori’, Davide: ‘Cambia argomento’

Alex ha insistito nel voler spiegare il suo punto di vista nonostante i due coinquilini evidenziassero la mancanza di collegamento tra quello che affermava e la lite con lo schermidore. “È la stessa cosa, non avete capito la metafora. Io non ho provocato niente, ho detto semplicemente quello che mi è venuto da dire e mi sono beccato uno spintone” – ha aggiunto l’emiliano con Silvestri che ha spiegato che il tono provocatorio ci poteva stare. Belli, nel mirino del web anche per una battuta su Manuel Bortuzzo, ha poi discusso con i compagni di avventura per com’era stato preparato il pranzo.

“Posso mangiare un piatto del genere. Quando cucino presto attenzione per i piatti di tutti e pretendo che venga fatto lo stesso quando tocca a voi. Un piatto del genere è una presa in giro” – ha sottolineato Alex. Miriana Trevisan ha assicurato il coinquilino che il suo piatto non era stato preparato così intenzionalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *