Isola dei Famosi, lite furiosa tra Nicolas Vaporidis e Nick Luciani: ‘Sei un finto mite’
14 Giugno 2022
Trovata morta a Mascalucia la piccola Elena: nessun rapimento, la madre ha confessato
14 Giugno 2022

Finalmente una buona notizia. La dieta del gelato esiste davvero e funziona! Cosa c’è di meglio che poter dimagrire, in piena estate, gustando una coppetta di cioccolato e crema senza provare senso di colpa? È pensiero comune credere che il gelato non possa essere un valido alleato nella perdita dei chili in eccesso ma in realtà non è proprio così. La dieta che segue è un regime ipocalorico di circa 1100/1200 calorie al giorno da seguire per circa una settimana o anche per settimane alterne.

I benefici del gelato

Il gelato è composto da alimenti dall’alto valore nutrizionale. Solitamente contiene latte, uova, zucchero e, a seconda del gusto, cioccolato, frutta ed altri alimenti. I gelati alle creme, ad esempio, apportano al nostro fisico un buon livello di proteine, grassi di qualità, vitamine A e B2 e sali minerali. Coni e cialde sono invece a base di cereali introducendo così anche carboidrati complessi come l’amido. Oltre a questi, il gelato è ottimo anche per idratare essendo composto da liquidi.

Anche a livello psicologico si possono riscontrare diversi benefici. Lo zucchero in esso contenuto nonché il gusto fresco e appetitoso non può che mettere il buonumore. La dieta del gelato non rattrista ed è inoltre semplice da seguire essendo il gelato facilmente reperibile praticamente ovunque.

Che gelato scegliere

Le dosi di gelato e le tipologie vanno distinte a seconda del momento della giornata. Che sia artigianale o confezionato il range consigliati sono i seguenti. Per le merende di metà mattino e metà pomeriggio è preferibile scegliere gelati meno calorici da circa 100/150 calorie. Nel caso di gelato confezionato sarà sufficiente leggere l’etichetta mentre per quanto riguarda i gelati sciolti o artigianali bisogna sapere che una classica pallina di gelato pesa circa 40 grammi e, a seconda del gusto, va da un minimo di 140 calorie ad un massino di 300. Purtroppo per i più golosi, cioccolato crema e nocciola sono tra i gusti più calorici. Quando invece il gelato è inserito tra uno dei pasti principali, quindi colazione, pranzo o cena, le opzioni a disposizione sono due: la prima prevede un gelato da 200 grammi di circa 350/400 calorie mentre l’alternativa consiste in un gelato leggermente meno calorico ma con l’aggiunta di una macedonia o frutta a piacere così da integrare gli elementi nutritivi.

Un’idea per avere gelato sempre a disposizione e soprattutto per mangiare un prodotto sano e fatto in casa è dotarsi di una delle tante macchine del gelato facilmente acquistabili sia su siti internet specializzati o nei negozi di elettronica. Tenere il conto delle calorie sarà molto più semplice ed il gelato risulterà privo di conservanti, coloranti e zuccheri in abbondanza.

Dieta del gelato: come funziona

In linea generale, l’assunzione del gelato è prevista una volta al giorno in sostituzione di uno dei pasti generali. In alcune occasioni è possibile approfittare del gustoso snack anche per gli spuntini di metà mattina o pomeriggio. Altra raccomandazione, evitare di magiare ulteriori dolci durante la settimana di dieta.

Entrando nello specifico le varianti per la colazione sono yogurt con cereali, due fette biscottate con un velo di marmellata, due fette di pane integrale bruscato con ricotta oppure due fette di pane con quattro fette di fesa di tacchino.

Per gli spuntini mattutini alternare una manciata di mandorle, noci e nocciole oppure uno yogurt magro. Per lo spuntino di metà pomeriggio la scelta ricade su centrifuga di frutta, frutta fresca a pezzi o gallette di mais accompagnate da un frutto a piacere.

Pranzo e cena possono essere alternati a seconda delle esigenze. Per uno dei due pasti è sempre previsto il gelato. Come detto prima, se si sceglie un gelato alle creme non bisognerà aggiungere altro mentre se si desidera un gelato alla frutta si potrà aggiungere ulteriore frutta fresca per arricchire il tutto. Sul secondo pasto principale della giornata c’è l’imbarazzo della scelta. Le possibilità sono zuppa di verdure con due fette di pane integrale ed 80 grammi di bresaola, 200 grammi di pesce al forno con insalata di pomodori, 150 grammi di carne alla griglia con 200 grammi di verdure al vapore, insalata di farro e 70 grammi di fesa di tacchino con 200 grammi di verdure alla griglia ed infine 150 grammi di carpaccio di carne con scaglie di parmigiano, rucola e pane integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.