Alberto Matano: ‘L’ho provato sulla mia pelle’, l’esperienza dolorosa raccontata dopo un servizio sull’omofobia: il web s’interroga (VIDEO)
28 Ottobre 2021
Le comunicano via mail l’esito negativo dell’esame universitario: 21enne gallese si suicida per un terribile disguido
29 Ottobre 2021

Il caso Alec Baldwin ‘sbarca’ a Salerno: Pomeriggio 5 allo Shooting Range (VIDEO)

Il controverso caso Alec Baldwin ‘sbarca’ a Salerno attraverso la trasmissione Pomeriggio 5. Nelle scorse ore l’assistente di regia Davide Halls ha ammesso di non aver controllato bene l’arma dalla quale è partito il proiettile che ha ucciso Halyna Hutchins e ferito il regista Joel Souza sul set di Rust a Santa Fe (Stati Uniti). Nel corso della puntata del 28 ottobre del talk show condotto da Barbara d’Urso è intervenuto Giovanni Ciccarone dal poligono di tiro Shooting Range di Pontecagnano con il figlio Fabio, campione italiano di tiro a segno.

Giovanni Ciccarone: ‘La pistola di Baldwin poteva essere caricata anche con proiettili reali e lui non poteva distinguerli’

Il presidente dello Shooting Range ha illustrato a Barbara d’Urso la differenza tra i proiettili della pistola a salve, privi di ogiva, e le pallottole vere. In particolare Ciccarone ha mostrato una pistola simile a quella utilizzata da Alec Baldwin. “Può essere caricata sia con proiettili a salve che con munizioni reali” – ha sottolineato precisando che l’attore osservando solo il tamburo dell’arma non poteva capire se era caricata a salve o meno in quanto “le pallottole le vedeva dal di dietro”.

Inoltre è stato precisato che solo con i proiettili veri si potevano bucare le lattine visto che è stato appurato che i tecnici impegnati sul set del film Rust utilizzavano la pistola di scena per delle sfide a tiro a segno nei momenti di pausa. “In Italia ci sono regole più ferree come quella di chiudere un poco la canna in modo tale che l’ogiva non riesca a passare” – ha chiosato Giovanni Ciccarone.

Video intervista Giovanni Ciccarone a Pomeriggio 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *