Campeggio: tutta l’attrezzatura necessaria per una vacanza all’aria aperta
27 Maggio 2022
Gianluca Vacchi sull’altalena: lacrime, docufilm, camera iperbarica e la denuncia della colf
27 Maggio 2022

Anziana fatta a pezzi a Melzo: fermata la figlia, la macabra scoperta della sorella

Da tempo non riusciva a parlare con l’anziana madre, residente a Melzo nel milanese, e la sorella, che abitava vicino alla donna, le dava risposte contraddittorie. Il corpo di Lucia Cipriano, 84 anni, è stato trovato nella vasca da bagno del suo appartamento in via Boves fatto a pezzi ed in avanzato stato di decomposizione.

L’84enne Lucia Cipriano trovata morta nella vasca da bagno nell’appartamento nel milanese

Loredana, 47 anni, è partita da Trento giovedì 27 maggio per avere le risposte che cercava da tempo sulla mamma che viveva da sola nonostante avesse problemi di deambulazione ed un principio di demenza senile. Ha avuto la conferma che qualcosa di brutto fosse accaduto quando ha riferito alla sorella, la 58enne Rosa Fabbiano, che stava per arrivare. Quest’ultima sarebbe crollata e le avrebbe detto che la pensionata non c’era più. Nell’abitazione di Melzo, dove è arrivata intorno alle 10, si è trovata di fronte ad uno spettacolo agghiacciante quando è entrata in bagno dopo aver perlustrato tutte le stanze.

Immediatamente ha contattato i carabinieri della compagnia di Pioltello che sono stati supportati dagli esperti della Sezione rilievi di Milano, guidati dai comandanti Michele Miulli e Antonio Coppola. I vicini hanno riferito che non vedevano Lucia Cipriano da due mesi. Le indagini, coordinate dal pm Elisa Calanducci, si sono concentrate su Rosa Fabbiano, la figlia che viveva a Mediglia, a 15 chilometri dall’abitazione dell’anziana. La donna faceva regolarmente visita alla pensionata ed aveva anche rassicurato la sorella riferendo che aveva provveduto a trasferirla in una casa di riposo.

I sospetti sulla figlia 58enne, alla sorella aveva detto che la madre era in una casa di riposo

Le condizioni dell’anziana erano peggiorate negli ultimi mesi ed, in particolare, un episodio aveva destato preoccupazione tra i congiunti e i vicini. Una volta la donna era uscita da sola di casa in pigiama ed aveva iniziato a vagare per il paese. Gli inquirenti hanno ascoltato le tre figlie della donna e chiesto informazioni ad altri residenti. In serata la svolta con il fermo di Rosa Fabbiano che si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Si indaga per omicidio e soppressione di cadavere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.