De Cecco
Spot De Cecco con Can Yaman, Ozpetek punta sull’immagine dell’attore: va in onda e fa discutere (VIDEO)
24 Gennaio 2021
Palmas
Tragedia Palmas, l’aereo si schianta dopo il decollo: morti presidente e 4 calciatori, Brasile sconvolto
24 Gennaio 2021

Orrore nel comasco, Sharon non fu incidente: massacrata e uccisa dal compagno della madre, dall’autopsia emerge una macabra verità

Sharon uccisa

La morte della piccola Sharon assume contorni macabri dopo l’arresto del 25enne Gabriel Robert Marincat. Il rumeno è accusato di aver massacrato di botte la bimba fino ad ucciderla. In un primo momento si era parlato di un drammatico incidente con una stufetta ma fin dall’inizio gli inquirenti avevano manifestato perplessità su quanto accaduto lo scorso 11 gennaio nell’appartamento di via Dante Alighieri a Cabiate, in provincia di Como.

Arrestato il 25enne Gabriel Robert Marincat

In quel momento con la bambina di 18 mesi c’era il compagno della madre, il muratore rumeno Gabriel Robert Marincat. Quest’ultimo aveva riferito che la piccola aveva accidentalmente battuto la testa sulla stuffetta ma che si era subito ripresa al punto che, dopo una crisi di pianto, si era messa a giocare.

L’allarme è scattata alcune ore dopo quando Sharon si è addormentata e l’uomo si è reso conto che respirava a fatica. Subito dopo ha iniziato a vomitare ed a quel punto sono stati allertati i soccorso con la bambina che è stata trasportata in elisoccorso all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo dove poi è deceduta.

Il muratore rumeno aveva raccontato agli inquirenti che si era trattato di un incidente

L’autopsia non ha soltanto evidenziato i lividi provocati dai maltrattamenti ma anche fatto emergere un particolare ancora più terrificante: Sharon sarebbe stata violentata dal patrigno qualche giorno prima della tragica morte. Dopo il decesso della figlia anche la madre, che quel giorno era a lavoro, ha iniziato a dubitare del compagno.

Sharon sarebbe stata violentata pochi giorni prima di morire

L’uomo era stato allontanato dall’appartamento di via Alighieri e si era trasferito da alcuni suoi parenti a Lentate sul Seveso. In ogni caso anche la posizione della 24enne barista è al vaglio degli inquirenti. I maltrattamenti sulla bambina di 18 mesi andavano avanti da tempo e la piccola presentava ferite sulle labbra e sul naso oltre che lividi su più parti del corpo.

morte bimba stufa Como

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *