categoria C Risultati concorso Campania Formez
Concorso Ripam 2019, calendario prove: pubblicato diario prove preselettive, le date
24 Ottobre 2019
zaniolo capello
‘Non fare come Zaniolo’, Nicolò ‘replica’ a Capello sul campo: gol al Mönchengladbac sotto lo sguardo dei genitori (VIDEO)
24 Ottobre 2019

Bangladesh, 19enne bruciata viva dopo le molestie: 16 persone condannate a morte

Bangladesh Nusrat Jahan Rafi

Un tribunale del Bangladesh ha condannato a morte 16 persone (tra questi il responsabile di una scuola islamica) per l’omicidio di una studentessa di 19 anni bruciata viva in aprile, provocando indignazione in tutto il paese.

Nusrat Jahan Rafi uccisa per non aver ritirato la denuncia di molestie

Nusrat Jahan Rafi era stata data alle fiamme con il cherosene per aver rifiutato di ritirare una denuncia per molestie sessuali contro il preside del seminario che frequentava. “Il verdetto dimostra che nessuno riuscirà a cavarsela per un omicidio in Bangladesh. Abbiamo lo stato di diritto” – ha riferito il procuratore Hafez Ahmed ai giornalisti dopo il verdetto in un’aula di tribunale affollata. Rafi è stata attirata sul tetto del seminario dove i suoi aggressori l’hanno chiesto di ritirare la denuncia che aveva presentato alla polizia.

Le proteste e la punizione esemplare

Quando ha rifiutato, è stata legata, cosparsa di cherosene e incendiata. Ha subito ustioni all’80% del suo corpo ed è deceduta in ospedale cinque giorni dopo, il 10 aprile. La morte della diciannovenne ha suscitato indignazione ed ha anche messo in evidenza un allarmante aumento dei casi di molestie sessuali nel paese dell’Asia meridionale di 165 milioni di persone. In questi mesi nella capitale, Dhaka, sono state organizzato numerose manifestazioni nel corso delle quali è stata chiesta una “punizione esemplare” per gli assassini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *