Tommaso Zorzi
GF Vip, ‘Tommaso cosa dici?’, la gag spinta di Zorzi (VIDEO)
1 Gennaio 2021
botti
Botti di fine anno: muore 13enne ad Asti, i parenti devastano il pronto soccorso
1 Gennaio 2021

Botti di fine anno Capodanno 2021: donna colpita da proiettile vagante, rapina choc ad Afragola (VIDEO)

botti di fine anno

Ordinanze in fumo, da Milano a Napoli: si spara in quasi tutta Italia

Otto persone sono rimaste ferite per i botti di fine anno nel napoletano (tre nel capoluogo dove vigeva il divieto). Il dato più basso rispetto ai precedenti festeggiamenti per il Capodanno. In particolare una donna, originaria di Mugnano, è finita in ospedale dopo essere stata colpita da un proiettile vagante nel momento in cui si era affacciata al balcone. Nelle prossime ore subirà un intervento chirurgico per estrarre il proiettile. Non è in pericolo di vita.

Capodanno 2021: 8 feriti per i botti, ad Afragola inseguimento durante i festeggiamenti

Ad Afragola rapina choc durante i fuochi d’artificio con il proprietario del negozio che ha speronato l’auto dei malviventi nel tentativo di fermarli per poi inseguirli. L’accaduto è stato filmato ed il video ha fatto immediatamente il giro del web.

Fuochi nella capitale, strage di uccelli in via Cavour

Da Napoli a Milano passando per Roma. Nella capitale diversi uccelli sono morti in via Cavour per l’esplosione dei botti come riferito da Welcome to favelvas e da numerose pagine social. In barba alle ordinanze ed alla zona rossa allo scoccare della mezzanotte tantissimi italiani hanno dato l’addio al drammatico 2020 e il benvenuto, nel segno della speranza, al 2021 con i tradizionali botti di fine anno. Fuochi d’artificio che hanno illuminato il cielo di un’Italia che spera di uscire quanto prima dall’emergenza sanitaria.

Uccelli morti in via Cavour a Roma

I botti di fine anno dividono il web

La situazione resta, in ogni caso, delicata e non sono mancate le polemiche sui social. In molti hanno criticato sui social chi ha deciso di sparare i botti di fine anno: “Bisognava restare in silenzio in segno di rispetto per le vittime”. C’è chi ha anche difeso questa scelta: ‘Già c’è stato tolto tutto, almeno lasciateci sparare i botti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *