Morto Freddy Rincon, Taglialatela ricorda El Coloso: ‘Quella volta con la parrucca bionda a Riga’
14 Aprile 2022
Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez sarebbero in crisi, l’avvistamento e i rumors di Rosica sulla donna sposata
14 Aprile 2022

Il Canone Rai non sarà più accorpato alla bolletta della luce dal 1° gennaio 2023. La svolta era nell’aria per adeguarsi agli impegni presi con l’Europa tramite il Piano di ripresa e resilienza (Pnrr) che prevedeva, tra le altre cose, l’eliminazione di tutti gli ‘oneri impropri’ dai costi dell’energia.

 L’ordine del giorno presentato da Maria Laura Paxia, del gruppo misto, al decreto energia approvato con 323 sì il 13 aprile alla Camera, è stato accettato dal governo (a rappresentarlo in Aula c’era Vannia Gava, sottosegretaria per la Transizione ecologica), senza bisogno di essere messo ai voti. Si adottano così le misure normative dirette a scorporare dal 2023 il canone Rai. Era stato inserito in bolletta nel 2016 dal governo Renzi come voce nelle utenze elettriche con l’intento (riuscito) di contrastare l’evasione fiscale dell’imposta sui televisori.

Si pagherà con bollettino postale

La bolletta dell’energia elettrica sarà alleggerita dei 90 euro spalmati su 10 euro. I cittadini che dichiarano di possedere almeno un televisore o un computer (la tv di Stato è fruibile anche attraverso RaiPlay) torneranno a pagare il Canone, probabilmente, come un tempo, ovvero tramite il classico bollettino postale. “Non si può chiedere obbligatoriamente ai fornitori di energia di riscuotere oneri non legati al proprio settore di mercato” – sostiene l’Unione Europea. Di conseguenza l’imposta sulla detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di radioaudizioni televisive tornerà ad essere gestita in maniera autonoma.

Sconto Canone Rai

Per ottenere uno sconto entro il 30 giugno 2022 si dovrà dichiarare, tramite apposita domanda, di non possedere in casa un televisore ed anche un computer per avere diritto ad una parziale esenzione. Ed il canone verrà così a costare solamente 45 euro invece dei consueti 90, con il pagamento che interesserà solamente cinque mesi.  Per Usigrai, il rischio ora è che “lo scorporo dalla bolletta si traduca in una nuova corsa all’evasione del canone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.