ron jeremy
Ron Jeremy, nuove accuse alla star del cinema per adulti: rischia 250 anni di carcere
1 Settembre 2020
Sergio Lopez
Ecuador, bacia il pallone dopo il gol: maxi multa a calciatore dell’Aucas
2 Settembre 2020

Citrobacter a Verona, mamma protesta davanti all’ospedale: ‘Mia figlia Nina ed altri 3 bimbi morti per scarsa igiene’

ospedale Verona

Esplode la rabbia davanti all’ospedale della Donna e del Bambino di Verona dopo il decesso di quattro neonati per citrobacter. Francesca Frezza, la prima mamma a denunciare il caso del batterio killer, ha deciso di alzare la voce e protestare per i decessi verificatisi lo scorso giugno al punto nascite di Borgo Trento che è stato riaperto nella giornata di oggi 1° settembre.

Francesca Frezza: ‘Quel reparto doveva essere chiuso subito’

Sono qui perché è arrivato l’esito della commissione d’indagine nominata dal governatore Zaia che conferma quello che ho sempre pensato. Nel 2018 ci sono stati quattro decessi di bambini e 9 cerebrolesi in quel reparto che doveva essere chiuso subito e non a giugno. Chiedo le dimissioni dei responsabili” – ha dichiarato all’Adnkronos. Il Citrobacter, batterio che sarebbe stato la causa della morte di quattro bambini tra la fine del 2018 e quest’anno, si sarebbe annidato in un rubinetto dell’acqua utilizzata dal personale della Terapia intensiva neonatale dell’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento a Verona.

Il Citrobacter si sarebbe annidato in un rubinetto dell’acqua: ‘Senza dimissioni non me ne vado’

E’ la conclusione a cui giunge la relazione di una delle due commissioni nominate dalla Regione Veneto. “Mia figlia Nina ed altri 3 bambini sono morti per “scarsa igiene”!! 9 bambini cerebrolesi e 96 bambini infettati da Citrobacter.
Fino a quando non vedo le dimissioni dei responsabili da qui non me ne vado” – ha sottolineato Francesca Frezza su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *