Uno strumento utile per risvegliare il nostro corpo, il tapis roulant
7 Ottobre 2019
Salerno, Melissa va alla lavagna e muore davanti ai compagni di classe: ‘Sarà difficile tornare in aula’, la passione per la Salernitana
7 Ottobre 2019

Dopo tanti rinvii la sospirata firma: il dispositivo anti abbandono in auto sarà obbligatorio da fine febbraio. Ieri, 7 ottobre, il Ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli ha firmato il decreto che entrerà in vigore 15 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. L’obbligo di viaggiare con i dispositivi anti abbandono sarà effettivo 120 giorni dopo la pubblicazione del dm.

L’ultima tragica vicenda di Catania – bimbo morto dopo essere stato dimenticato in auto dal padre – aveva riportato d’attualità la questione dei seggiolini anti abbandono. Nelle prossime settimane dovrebbero essere definita anche la normativa relativa agli incentivi per acquistare il seggiolino anti abbandono e le fasce alle quali spetteranno i contributi statali.

L’Italia era stato il primo paese Europeo a varare un provvedimento – legge 766 del settembre 2018 che avrebbe dovuto essere obbligatorio dal 1 luglio 2019 ma è slittato a novembre a causa di un ritardo burocratico sulle caratteristiche tecniche che i dispositivi dovranno osservare (la norma è stata riscritta ed approvata dalla Commissione Europea e ridiscussa il 26 settembre dal Consiglio di Stato).

La legge dispone l’obbligatorietà ad usare un dispositivo anti abbandono ( leggi qui modalità di utilizzo e prezzi) in auto per i bambini fino a quattro anni collegato tramite un’apposita App al telefono cellulare. Inoltre è stato stanziato un milione di euro per incentivi nell’acquisto salva bebè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *