buon onomastico Filippo
Buon onomastico Filippo, oggi 26 maggio: immagini di auguri da inviare via social
26 Maggio 2022
Pittura, la Lifeart di Stefania La Greca in mostra a Volla
26 Maggio 2022

Morto Ciriaco De Mita, da Nusco e ritorno scrivendo la storia della politica italiana

Con la scomparsa di Ciriaco De Mita cala il sipario su un’era della politica italiana che ha visto il leader avellinese recitare un ruolo di primissimo piano. L’ex premier e segretario della DC aveva 94 anni, classe 1928, ed era ancora impegnato in prima linea nella sua Nusco, in provincia di Avellino. Dal 2014 era sindaco della città d’origine… “Per combattere la stupidità in politica”.

De Mita aveva 94 anni e stava seguendo un percorso di riabilitazione, dal 2014 era sindaco di Nusco

De Mita è deceduto alle 6.00 di giovedì 26 maggio nella casa di cura Villa dei Pini di Avellino, dove stava seguendo un percorso di riabilitazione dopo la frattura del femore per la caduta dello scorso febbraio. Ad aprile era stato ricoverato all’ospedale Moscati per un’ischemia. La salma è rientrata a Nusco dove sarà allestita la camera ardente. I funerali saranno celebrati venerdì 27 maggio nella chiesa di Sant’Amato alle 18:30. Un gigante della politica italiana che non ha mai dimenticato la sua terra d’origine.

Fu a capo della difficile e tormentata ricostruzione post terremoto del 1980 e, soprattutto, il suo intervento fu fondamentale nel progetto della nuova Università di Salerno che fu trasferita a Fisciano, a metà strada tra i due capoluoghi di provincia campani. Prima di entrare in politica De Mita aveva lavorato come legale Eni.  Nel 1956 diventa consigliere nazionale di Democrazia Cristiana, eletto al congresso di Trento. Entra in Parlamento come deputato per la prima volta nel 1963.

Ciriaco De Mita con Giulio Andreotti

Ex premier e leader DC, per il Mondo era tra i tre uomini più potenti d’Italia: Mattarella parteciperà ai funerali

Cinque anni dopo la prima esperienza di Governo come sottosegretario del Ministero dell’Interno. Più volte Ministro, dal Commercio all’Industria fino all’emergenza per il Mezzogiorno, fu nominato Presidente del consiglio dei ministri nel 1988 di un governo sostenuto dal pentapartito. Contestualmente ricopriva l’incarico di segretario della Dc. Leadership che ha conservato fino al 1992. Per il Mondo con Bettino Craxi e Gianni Agnelli era uno dei tre uomini più potenti d’Italia

A lui si deve l’impegno politico nella DC di Sergio Mattarella e Romano Prodi. Il Presidente della Repubblica raggiungerà Nusco per partecipare ai funerali di De Mita. “É stata una grande perdita, era un politico con la P maiuscola” – ha riferito Cirino Pomicino mentre il premier Mario Draghi l’ha definito un “gigante della politica italiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.