Bari, Haiducii e Nathalie Aarts illuminano il Capodanno estivo 2021
20 Agosto 2021
Eveline Dellai
Eveline Dellai, i messaggi del premier belga De Croo all’audace attrice trentina: ‘Potremmo fissare un incontro’
20 Agosto 2021

Priscilla Salerno, stoccata a Michele Sarno e appello a Mattarella e Berlusconi dopo lo stop alla candidatura al comune di Salerno

Tina Ciaco, in arte Priscilla Salerno, non molla ed intende chiedere l’intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella dopo la polemica scoppiata all’interno della coalizione di centrodestra che sostiene il candidato sindaco Michele Sarno al comune di Salerno. L’attrice hard era tra i nomi di punta del listino del Nuovo Psi ma la sua candidatura è stata bloccata.

Tina Ciaco si era presentata con la lista del Nuovo Psi, lo scontro con Casciello e lo stop alla candidatura

“Non mi aspettavo questo veto fortissimo” – ha spiegato la star aveva annunciato mesi fa la sua decisione di scendere in campo per la città di origine dopo aver dato vita, in collaborazione con un’associazione, ad una serie di iniziative e incontri scolastici (prima dell’emergenza Covid) contro il revenge porn. L’artista non è stata tenera neanche con Michele Sarno con il quale si è incontrata nelle scorse ore a Roma: “Sono corsa a conoscerlo, abbiamo fatto un discorso. Lui era contento ma anche un po’ dispiaciuto perché si è trovato in mezzo ma un leader deve saper fare anche il leader e deve farsi valere“. “Netta la presa di posizione di Gigi Casciello, parlamentare di Forza Italia: “I diritti delle donne non si tutelano candidando Priscilla Salerno”.

La stoccata a Michele Sarno: ‘Un leader deve saper fare il leader’

Pronta la replica dell’artista: “Ha parlato di etica lui che ha fatto due regionali e non è mai stato votato ed è stato eletto in una lista unica. Io sono una donna dignitosa, ho una moralità altissima e un’etica che fa invidia. Non si è nemmeno presentato, non abbiamo mai parlato. Si parla di un caso Priscilla Salerno invece di parlare dell’Afghanistan, dei bambini che vengono lanciati dalle madri per aiutarli a fuggire dai talebani o dei casi di violenza delle donne che sono aumentati quest’estate” – ha riferito Tina Ciaco a Onda News sottolineando di non aver ricevuto sostegno pubblico da nessuno. “In privato tante donne dello spettacolo mi hanno contattato. I diritti delle donne sono stati nuovamente calpestati. Lancio un appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, a Silvio Berlusconi, a Mara Carfagna, a Giorgia Meloni ed a tutti coloro che possano prendere decisioni rispetto a questi piccoli uomini. L’umiltà è la mia arma”.

‘Afghanistan, violenze denunciate ogni 123 minuti e revenge porn ed invece si parla del caso Priscilla Salerno’

Su Instagram ha poi aggiunto: “Il porno, che piace a tutti, non era il tema di questa campagna elettorale. I temi che lancio sono quelli dei giovani e delle donne, dei rischi del web. Su questo non accetto lezioni da nessuno e cerco il confronto. Il rapporto della direzione della Polizia criminale, l’ultimo, parla di una violenza denunciata sulle donne ogni 123 minuti. Il Garante per la privacy ha lanciato un serio allarme sul revenge porn. i nostri ragazzi lo sottovalutano ed è pericolosissimo.

La mia candidatura era ed è un’occasione per parlare di questi temi ed invece la politica salernitana mette in campo il peggiore provincialismo. Mi auguro che il centrodestra salernitano faccia uno scatto e che i big nazionali possano superare veti e paure”. Tina Ciaco ha precisato di aver ricevuto elogi anche da parte delle donne dell’opposizione. “Mi stanno chiamando esponenti della sinistra per farmi i complimenti e spronarmi a proseguire la mia battaglia contro la discriminazione, di razzismo totale, di soppressione completa di libertà di pensiero e di azione delle donne”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *