Incendio in Francia, in fiamme a Rouen impianto chimico Lubrizol classificato ‘Seveso’: allarme in 13 comuni (VIDEO)
26 Settembre 2019
Milan, Giampaolo vacilla dopo il ko di Torino, tifosi infuriati: ‘Perché togliere Leao’. Le parole di Maldini, l’ombra di Spalletti
26 Settembre 2019

Nei giorni scorsi l’Aifa ha comunicato lo stop dei farmaci contenenti ranitidina. Tra questi numerosi lotti di farmaci di uso comune quali il Buscopan antiacido, Zantac , Ranibloc, diversi lotti di Raniben, Ranidil, Ulcex, Ranitidina Zentiva, Ranitidina Hexa.  L’elenco completo è diffuso sul sito dell’Agenzia del Farmaco che in queste ore ha invitato gli utenti a far esclusivamente riferimento al portale. Precisazione che arriva dopo che nelle ultime ore si erano diffuse diverse fake news in relazione ai lotti ritirati. “Si tratta di liste di farmaci che nulla hanno a che vedere con quelli oggetto dei provvedimenti restrittivi disposti nei giorni scorsi che riguardano esclusivamente farmaci contenenti ranitidina”. – viene precisato nella nota stampa. Per tale motivo Aifa invita gli utenti a consultare esclusivamente il sito ufficiale.  La ranitidina è un inibitore della secrezione acida utilizzato nel trattamento dell’ulcera, del reflusso gastroesofageo, del bruciore di stomaco e di altre condizioni associate a ipersecrezione acida. Il provvedimento era scattato per la presenza di un’impurezza denominata N-nitrosodimetilammina (NDMA) in diversi lotti della Saraca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *