Uomini e Donne, Ursula Bennardo scende in politica: ‘Taranto non è solo Ilva’, la reazione di Sossio
4 Aprile 2022
Buon onomastico Vincenzo oggi 5 aprile, immagini da condividere sui social
5 Aprile 2022

Stefano Cucchi, 12 anni in Cassazione ai due carabinieri che lo pestarono: la reazione della sorella

I carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, accusati di omicidio preterintenzionale, dovranno scontare 12 anni di carcere per la morte di Stefano Cucchi, massacrato di botte e morto il 22 ottobre 2009 mentre il giovane era sottoposto a custodia cautelare. La Corte di Cassazione ha confermato l’impianto accusatorio emerso dai precedenti gradi di giudizio disponendo un anno in meno rispetto a quanto stabilito dalla Corte d’Assise.

Ilaria Cucchi: ‘Possiamo dire che è stato ucciso di botte, i miei genitori si sono ammalati per questo’

Disposto l’annullamento con rinvio del processo di secondo grado nei confronti del maresciallo Roberto Mandolini e di Francesco Tedesco, accusati di aver mentito su ciò che è accaduto la notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009 nella caserma Casilina. “A questo punto possiamo mettere la parola fine su questa prima parte del processo sull’omicidio di Stefano Cucchi. Possiamo dire che è stato ucciso di botte, che giustizia è stata fatta nei confronti di coloro che ce l’hanno portato via” – ha dichiarato Ilaria Cucchi all’Adnkronos dopo la decisione dei giudici della Corte di Cassazione.

“Devo ringraziare tante persone, il mio pensiero in questo momento va ai miei genitori che di tutto questo si sono ammalati e non possono essere con noi, va ai miei avvocati Fabio Anselmo e Stefano Maccioni e un grande grazie al dottor Giovanni Musarò che ci ha portato fin qui”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.