terremoto alta irpinia
Terremoto Irpinia, la terra torna a tremare nei luoghi del dramma dell’80: scossa di magnitudo 3.3
15 Aprile 2020
raimondo vianello
Raimondo Vianello day oggi 15 aprile sulle reti Mediaset a 10 anni dalla morte, programmazione
15 Aprile 2020

Telegram nel mirino della Federazione degli Editori di Giornali che ha chiesto la sospensione del social ad Agcom. Nei giorni scorsi il servizio di messaggistica istantanea con sede a Dubai era stato al centro delle polemiche per la presenza di alcuni canali per adulti che incitavano alla violenza sulle donne ed alla pedofilia (in queste ore è stato pubblicato un servizio a riguardo sulle pagine social de Le Iene).

Telegram, la richiesta della Federazione degli Editori di Giornali

La Fieg ha chiesto un provvedimento esemplare e urgente di sospensione di Telegram sulla base di un’analisi “dell’incremento della diffusione illecita di testate giornalistiche sulla piattaforma che, durante la pandemia, ha raggiunto livelli intollerabili per uno Stato di diritto”. Ad annunciarlo è il Presidente della FIEG, Andrea Riffeser Monti, che ricorda come di recente si sia pronunciato con preoccupazione anche il Sottosegretario per l’editoria, Andrea Martella.

La Fieg denuncia: ‘Incremento della diffusione illecita di testate giornalistiche’

Dieci i canali monitorati, dedicati esclusivamente alla distribuzione illecita di giornali; 580mila gli utenti complessivi ( 46% di iscritti negli ultimi tre mesi) e un incremento dell’88% delle testate diffuse. L’analisi condotta dagli uffici della FIEG simula anche gli effetti di rimbalzo della copia pirata su piattaforme esterne a Telegram, sia relativamente al traffico dati e ai possibili rischi di rallentamento della rete, sia sulla quantificazione del danno.

‘La stima delle perdite è allarmante’

“La stima delle perdite subite dalle imprese editoriali è allarmante ed, in una ipotesi altamente conservativa, stimiamo 670 mila euro al giorno, circa 250 milioni di euro all’anno. Un dato di fronte al quale confido che l’Autorità di settore voglia intervenire con fermezza e tempestività” – precisa Riffeser.   

”.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *