Cuccioli di Labrador e Terranova da adottare dall’Ucraina: la verità su Samantha Flauto
9 Marzo 2022
Tanya è morta di sete a 6 anni sotto le macerie di Mariupol: trovata accanto al corpo della madre
10 Marzo 2022

Da Eboli all’Ucraina per curare la madre, Viktoria bloccata a Kherson: ‘Salvateci’, l’appello del marito a Chi l’ha visto

Il caso di Viktoria Ladchenko è stato trattato da Chi l’ha visto nel corso della puntata del 9 marzo. La donna è residente ad Eboli da diversi anni ed è sposata con Marco Voza ma dal 24 febbraio si trova nella città di Kherson, in Ucraina. Durante il viaggio in treno ha visto delle colonne di fumo e si è allarmata. “Mia madre è gravemente malata, ha il cancro e deve ricevere le cure necessarie”.

Viktoria Ladchenko in Ucraina per aiutare la madre: ‘Ha il cancro e qui non ci sono le medicine per curarla

In questi drammatici giorni la donna è riuscita a restare in contatto, non senza difficoltà, con i familiari, ed ha inviato anche i video scioccanti dal rifugio sotterraneo dove si trova con la madre. Le condizioni della congiunta sono peggiorate ed anche lei si è ammalata. “Ha la febbre” – ha riferito un familiare.

Sono bloccata a Kherson, qui i treni non partono. Ho paura che mia madre morirà, qui non può ricevere le medicine e non può camminare bene. Tra l’altro ci restano poche scorte di cibo. Salvateci da quest’inferno, permetteteci di tornare a casa in Italia da mio marito e mio figlio che mi aspettano. Abbiamo molta paura” – ha aggiunto la donna rivolgendosi ai ministri italiani.

Viktoria Ladchenko e Marco Voza il giorno delle nozze

I terribili video dal rifugio: ‘Salvateci da quest’inferno’

“Il video che ci ha mandato ci ha destabilizzato ed ha fatto smuovere tutti. Quando la vivi da lontano sembra un film ma quando ti tocca davvero ti rendi conto che è cruda realtà” – hanno dichiarato i cognati i Viktoria, Adriano e Marcella. “Sono senza riscaldamento, senza coperte, la mamma di Vika è adagiata su dei cartoni”.

Il marito, Marco, della cittadina ucraina si trovava a Bergamo per lavoro quando Viktoria Ladchenko ha lanciato l’allarme. “Non sono riuscita ad ascoltarlo tutto, l’ho girato a mio fratello, a mio cognato ed a tutti gli amici e loro hanno fatto il resto. L’unica persona a cui sono riuscito a mandare un messaggio siete voi”.

Marco Voza

Il marito: ‘Sono pronto a partire per l’Ucraina per salvarla, sono consapevole dei rischi’

L’uomo ha pensato di aggregarsi ad un aiuto umanitario per arrivare in Polonia e superare i confini. “Poi da lì un modo avrei trovato, sono consapevole a quali rischi vado incontro. La nostra vita si è interrotta dal giorno che è partita. Siamo preoccupati e non sappiamo cos’altro pensare. Siamo nel 2022 e succede ancora questo”.

L’inviato di Chi l’ha visto è riuscita a parlare telefonicamente con Viktoria che ha ringraziato per il sostegno che sta ricevendo. Il sindaco di Eboli, Mario Conte, e l’onorevole Cosimo Adelizzi hanno confermato che sul tavolo della Farnesina c’è anche la delicata situazione della concittadina ucraina bloccata a Kherson.

I parenti di Viktoria Ladchenko

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.