Manila Gorio: ‘Donna Pamela mi ha proposto un finto matrimonio con un attore dopo l’intervista sul caso Prati’ (FOTO)
23 Settembre 2019
Salernitana, Paweł Jaroszyński festeggia la vittoria su Instagram e si prepara alla sfida da ex
23 Settembre 2019

Galeotta fu la notizia delle spogliarelliste di Sheffield (città industriale del nord dell’Inghilterra) che hanno difeso il loro night club contro la richiesta di chiusura formulata da un gruppo di sfegatate femministe inglesi. La campagna per far chiudere questo club (che appartiene alla catena Spearmint Rhino) andava avanti da tempo. Una settimana fa, al termine di un’udienza di otto ore davanti al consiglio comunale, le spogliarelliste hanno vinto la propria battaglia contro le femministe. Il club non chiuderà e le ragazze potranno proseguire un’attività che per loro non è diversa dalle altre e che dà loro la possibilità di far fronte alle esigenze della famiglia. Sabato pomeriggio Marco Liorni ne ha parlato nella trasmissione da lui condotta “Italia Sì” invitando nel suo studio (tramite il noto manager adult Mimmo Pavese) Alessia Rubini, romana verace, che di professione fa la ballerina di lap dance.

‘Grazie a questo lavoro posso mantenere mio figlio‘

Già protagonista di Ciao Darwin (nella puntata ‘Messaline contro Giuliette‘), la procace e sinuosa Alessia (che fa anche l’influencer) ha parlato della sua professione in maniera determinata in quanto è grazie a questo lavoro che riesce a far crescere suo figlio piccolo. “Non mi vergogno del lavoro che faccio perché posso mantenere il mio bambino e mi permette e di passare gran parte della giornata con lui, cosa che non potrei fare con un lavoro diverso. Potrei fare qualsiasi tipo di lavoro ma scelgo questo perché mi sentire bene”. Alessia ha riferito di essere felice per il successo ‘processuale’ delle ballerine di Sheffield. “Il nostro lavoro è dignitoso e sono felice di svolgerlo” – ha dichiarato la romana Italia Sì (clicca qui per vedere).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *