Modella russa trovata morta in una valigia dopo un anno: aveva attaccato Putin, la confessione del partner
15 Marzo 2022
Guerra Ucraina, morti il cameraman Pierre Zarkzewski e la giornalista ucraina Oleksandra Kuvshynova
15 Marzo 2022

Christian Eriksen torna in Nazionale dopo quel terribile pomeriggio del 12 giugno. L’arresto cardiaco durante la sfida con la Finlandia valida per Euro 2020, quegli istanti terribili, l’intervento coraggioso di capitan Kjaer e la lunga attesa prima del sospiro di sollievo. Tornerà a vestire la maglia della Danimarca per la prima volta da quando il mondo è rimasto col fiato sospeso nove mesi fa.

Il centrocampista convocato dal ct della Danimarca per le sfide con Olanda e Serbia

Dopo l’addio forzato all’Inter l’asso del Brentford ha dimenticato le disavventure ed è tornato in forma brillante. Il trentenne tornerà in campo internazionale nelle amichevoli contro Olanda e Serbia. Il secondo match si giocherà al Parken Stadium di Copenaghen, sullo stesso rettangolo di gioco dove ha avvertito il malore. Dopo essere stato salvato da medici eroi, Eriksen è stato dotato di un dispositivo ICD.

Il defibrillatore è progettato per controllare i battiti cardiaci e tenere al sicuro il centrocampista, ma in Italia, per giocare in Serie A, non è sufficiente per ottenere l’idoneità fisica. Per tale motivo il centrocampista è stato costretto a lasciare l’Inter.

Eriksen dopo il malore al Parken Stadium di Copenaghen

Eriksen ha nel mirino il Mondiale in Qatar

Dopo il tesseramento al Brentford  Eriksen è tornato con il Newcastle ed è stato tra i migliori dei suoi nei match con Norwich e Burnley.  “Il mio obiettivo è giocare la Coppa del Mondo in Qatar. Voglio giocare” – ha detto a gennaio. Ora avrà la possibilità di inseguire il suo sogno mondiale dopo aver collezionato 109 presenze nella nazionale danese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.