Salernitana-Empoli 2-4, pagelle e highlights: difesa imbarazzante e scelte sbagliate, Ribery e Ranieri encomiabili
23 Ottobre 2021
Austria, aumentano i casi e il cancelliere usa il pugno di ferro con i non vaccinati: ‘Lockdown’
23 Ottobre 2021

Ex calciatore muore fulminato dal telefonino nella vasca da bagno: la Spagna piange Santiago Otero

Un ex calciatore professionista è stato trovato morto nella sua vasca da bagno dopo essere stato fulminato in uno strano incidente domestico. La moglie di Santiago Otero ha lanciato l’allarme dopo averlo scoperto senza vita accanto al suo cellulare nella loro abitazione di Madrid al ritorno da un turno di notte. Secondo la polizia crede che sia stato fulminato dopo che il suo telefono è caduto in acqua mentre lo stava caricando.

Il 38enne è stato ritrovato esamine dalla moglie e con un bruciatura sul petto: fatale il cellulare

Si ritiene che il 38enne, originario della cittadina galiziana di Viveiro, a nord della città di Lugo, fosse morto dieci ore prima del ritrovamento. Il decesso sarebbe avvenuto mentre faceva il bagno dopo che la compagna era andata al lavoro. “I paramedici hanno potuto solo constatare il decesso. Il suo partner è assistito da consulenti traumatologici. Gli operatori sanitari hanno accertato che Santiago Otero Gonzale aveva un segno di bruciatura sul petto dove è stato trovato il suo telefono.

I paramedici sono stati i primi a raggiungere la struttura dopo che l’allarme è stato lanciato intorno alle 8 di mercoledì 20 ottobre. Santiago Otero era padre di due figli, soprannominato Catanha in onore dell’ex nazionale spagnolo di origine brasiliana, ha giocato per una stagione nelle giovanili del Real Oviedo, nella squadra della sua città e in altre squadre galiziane tra cui Xove Lago e Folgueiro.

Il Real Oviedo e l’Union Deportivo Folgueiro piangono ‘Catanha’

L’Union Deportivo Folgueiro ha condiviso un tweet dopo aver appreso della tragedia: “Oggi è un giorno triste per la nostra famiglia calcistica a causa della morte del nostro ex giocatore. “Era un grande compagno e amico per tutti noi, che allietava i nostri pomeriggi con i suoi gol e le sue risate. Rivolgiamo le nostre condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici. Riposa in pace. Così a lungo amico.” Santi, che ancora nel tempo libero giocava a calcio a sette, si era trasferito a Madrid dalla nativa Galizia per motivi di lavoro e viveva nel quartiere Latina della capitale spagnola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *