GF Vip, Barù corteggiato da L’Isola dei Famosi dopo aver gelato i Jerù a Verissimo
20 Marzo 2022
Juventus-Salernitana 2-0, pagelle e highlights: Perotti non si vede, perché Ederson in panchina?
20 Marzo 2022

Aria di Primavera con un giorno di anticipo sotto il profilo astronomico. E non sarà un’eccezione. Domenica 20 marzo alle ore 16.33 scatta l’equinozio di primavera che segna l’inizio della stagione in cui sbocciano i fiori. Con il termine equinozio, dal latino “aequus” che significa “uguale” e nox “notte”, si entra nel periodo in cui le ore di buio e di luce sono identiche. A cominciare dal 20 marzo, infatti, le ore di luce aumenteranno sempre di più raggiungendo il picco in occasione del solstizio d’estate che ricade alle ore 9.14 del 21 giugno, giorno che segna l’inizio dell’estate.

La data non è sempre uguale ma varia tra il 19 e il 21 marzo a causa del calendario: l’introduzione di un giorno ogni 4 anni nell’anno bisestile può far oscillare questa data anche di molte ore, ecco perché per tutto il secolo l’equinozio di primavera si verificherà il giorno 19 e 20 marzo e perché accada di nuovo il 21 marzo secondo gli astronomi bisognerà attendere il 2102.

Perché l’equinozio il 20 e non il 21 marzo

Nello specifico il tempo che la Terra impiega a fare un giro completo attorno al Sole non dura esattamente 365 giorni, ma 365 giorni, 6 ore e qualche minuto. È per questo motivo che sono stati introdotti gli anni bisestili con i quali aggiungiamo un giorno in più ogni 4 anni. Ma la soluzione dei bisestili non basta e a causa del  ritardo accumulato ogni anno l’equinozio di primavera cambia orario e anche giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.