Barbara d'Urso
Zingaretti, un tweet col cuore per Barbara d’Urso per difendere Live: la conduttrice resta in silenzio ma il giorno prima…
24 Febbraio 2021
Roberta e Riccardo
Anticipazioni Uomini e Donne, petali rosa per Riccardo Guarnieri e Roberta Di Padua: la scelta a sorpresa
25 Febbraio 2021

Trentenne muore dopo essere stato immobilizzato con il metodo Floyd in California, il drammatico video

Angelo Quinto

Un uomo di 30 anni della California del nord è morto dopo che gli agenti si sono inginocchiati sul suo collo per quasi cinque minuti per sottometterlo utilizzando la stessa tecnica che ha provocato il decesso di George Floyd. Secondo quanto riferito dai media l’uomo aveva problemi di salute mentale. La famiglia ha denunciato l’episodio.

Angelo Quinto soffriva di disturbi psichici ma si era già tranquillizzato all’arrivo della polizia

Angelo Quinto aveva “sofferto di ansia, depressione e paranoia negli ultimi mesi” hanno raccontato gli avvocati di famiglia in una causa per omicidio colposo presentata il 18 febbraio. La sorella, Isabella Collins, ha chiamato la polizia nella sua casa di Antiochia, in California, il 23 dicembre, perché temeva che avrebbe fatto del male a sua madre, ha spiegato il legale, John L. Burris, durante una conferenza stampa. Prima dell’arrivo della polizia, la madre di Quinto era riuscito a tranquillizzarlo abbracciandolo. “Si era calmato ma la polizia non l’ha capito”.

Il 30enne è morto tre giorni dopo, la madre ha ripreso l’intervento degli agenti

Gli agenti non ha compreso la situazione ed hanno sottratto il giovane dalla braccia della madre ed hanno utilizzato il metodo George Floyd per immobilizzarlo. Il trentenne ha chiesto disperatamente aiuto fin quando non ha smesso di respirare. E’ morto tre giorni dopo in ospedale. La madre, disperata, ha registrato il tragico episodio con il telefonino che è stata pubblicato su YouTube dall’avvocato di famiglia John L. Burris.

I familiari di Angelo Quinto
Angelo Quinto, il drammatico video dell’intervento della polizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *