Guglielmo
Buon onomastico Guglielmo oggi 25 giugno: immagini di auguri da inviare via social
25 Giugno 2020
silvia provvedi
Silvia Provvedi, invettive e insulti: la decisione de Le Donatella, nel mirino anche la bimba
25 Giugno 2020

Crollo cornicione Albizzate, il dramma del ragazzino che ha visto morire mamma e fratelli davanti ai suoi occhi

crollo tetto albizzate

Nei mesi scorsi avevano anche pensato di tornare a vivere a Casablanca. I progetti della famiglia Hannach sono stati spazzati via ieri pomeriggio per un assurdo destino. Una tragedia che lascia senza fiato.

Crollo tetto in provincia di Varese, muoiono una donna e due figli

Fauzia Taoufiq, una donna di 38 anni e i suoi due figli: Soulaymane Hannach di 5 anni, e Yaoucut Hannach, una bimba di 14 mesi, sono stati travolti da sessanta metri di cornicione di cemento armato di un capannone di via Marconi ad Albizzate, in provincia di Varese. Per loro non c’è stato nulla da fare mentre un altro figlio (9 anni) della donna si è salvato solo perché si era spostato sull’altro lato della strada per salutare un amico.

Salvo l’altro figlio della donna, si era allontanato per salutare un amico ma ha visto tutto

Vivo per miracolo ma scioccato per aver visto morire davanti ai suoi occhi la mamma e i fratellini. Il piccolo è stato immediatamente allontanato dalla zona e accompagnato dai dipendenti nel vicino supermercato Crai dove la famiglia di origini marocchine era diretta. Pochi passi tra la vita e la morte…

Come nel caso del sindaco di Albizzate, Mirko Zozo, che si è spostato nell’ingresso dell’attività commerciale dove lavorava per far passare la giovane madre con il passeggino. “Pochi istanti e non li ho visti più” – ha dichiarato.

Devastato il marito di Fauzia, un meccanico in un’officina di Caronno Varesino, che aveva preferito restare in Lombardia per garantire un futuro solido alla sua famiglia che, in pochi secondi, è stata distrutta da un crudele destino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *