Taylor Mega, l’ex pizzaiolo che ha sfondato nel by night è la nuova fiamma dell’influencer
29 Giugno 2021
omicidio gualzetti
Omicidio Chiara Gualzetti, l’aggressore: ‘Domenica ucciderò una ragazza’, il papà della 15enne: ‘Lo conosco, non mi risultano demoni’
30 Giugno 2021

Denise Pipitone, aggredito testimone chiave: ‘Spedizione punitiva’, spunta supertestimone a Ore 14: ‘Ha visto la bimba in hotel’

Denise Pipitone

Un’aggressione ed una nuova ‘super testimonianza’ sono le novità emerse nel corso della puntata speciale di Ore 14 su Denise Pipitone, in onda martedì 29 giugno su Rai 2. Il conduttore, Milo Infante, ha raccontato che una testimone chiave dell’inchiesta sulla scomparsa della bambina di Mazara del Vallo è stata aggredita da tre uomini misteriosi nei pressi della sua abitazione.

Teste chiave nell’inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone aggredito nella notte, Frazzitta: ‘Episodio gravissimo’

“La notizia dell’aggressione l’ho ricevuta poche ore fa ed ho detto a questa persona di rivolgersi alla Procura. Non è da escludere che quanto accaduto di notte nei confronti di questo testimone sia dovuto ad altri motivi ma si tratta di una situazione strana e la cosa mi preoccupa. Voglio capire da dove viene questa aggressione. È gravissimo e bisogna alzare la temperatura attorno a determinati soggetti affinché sappiano che sono sott’osservazione anche da parte della Procura” – ha precisato l’avvocato Giacomo Frazzitta che ha aggiunto che la persona aggredita ha riferito di non essere stata derubata. “Si è trattata di una vera e propria spedizione punitiva“.

Spunta un supertestimone: ‘Vista la bambina al Ruggiero II con una protagonista della vicenda’

L’altro particolare rilevante emerso nell’inchiesta bis sulla scomparsa di Denise Pipitone riguarda un supertestimone che ha raccontato alla Procura di aver visto la bambina il 1° settembre 2004 all’hotel Ruggiero II. “Quel giorno ho visto una bambina accanto ad una persona, non dimenticherò mai i suoi occhi” – avrebbe riferito il misterioso teste che finora non era mai stato tirato in ballo nell’indagine. Inoltre quest’ultimo avrebbe riconosciuto la persona che era al fianco della bambina che non sarebbe stata vista nella lavanderia ma in un altro punto dell’albergo. Si tratterebbe di un soggetto già finito in passato nella lente di ingradimento degli inquirenti. Al momento, però, mancano riscontri relativi alla presenza certa del supertestimone, che era in vacanza con la famiglia, al Ruggiero II.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *