Ciao Darwin, lo sfogo di Gabriele Marchetti: ‘Bonolis non mi ha cercato, non sono più autonomo’
13 Giugno 2022
Uomini e Donne, Ida Platano sbotta su Instagram: ‘Augurare la morte non si può sentire’ (VIDEO)
13 Giugno 2022

Novara, il baby calciatore Leo Balzaretti non ce l’ha fatta: l’incidente del pullmino guidato dal padre

I sogni di un ragazzino appassionato di calcio spezzati a 12 anni sull’asfalto dell’autostrada A4, poco dopo il casello di Marcallo-Mesero la sera di domenica 12 giugno (al chilometro 104, sul territorio lombardo).

Il 12enne giocatore del Bulè Bellinzago stava rientrando dalla Viareggio Football Cup

Leo Balzaretti stava rientrando dalla Viareggio Football Cup con i compagni del Bulè Bellinzago, squadra della provincia di Novara, a bordo del pullmino guidato da papà Stefano, uno degli allenatori, quando il veicolo si è ribaltato per cause in corso d’accertamento. A bordo del Ford Transit c’erano quattro adulti e quattro ragazzi quando è avvenuto il tragico incidente

Le condizioni del giovane calciatore sono parse subito gravi con i soccorritori che hanno provveduto al trasporto in elisoccorso all’ospedale Maggiore di Novara dove è deceduto alcune ore dopo nel reparto di rianimazione. Gravi le condizioni di ragazzino di 11 anni che è stato ricoverato all’ospedale di Bergamo.

Il pullmino si è ribaltato sull’A4, il disperato trasferimento in elisoccorso all’ospedale di Novara

Gli altri feriti sono stati trasferiti a Magenta mentre altri due uomini sono stati medicati sul posto. Non è escluso che a provocare il ribaltamento, avvenuto intorno alle 20:30, sia stato lo scoppio di una gomma.

Leonardo Balzaretti abitava a Galliate, dove aveva appena concluso la prima media, e giocava a calcio nel Bulè Bellinzago, dopo aver inziato nel Veveri e nel Suno. Il padre era uno degli allenatori della squadra e faceva parte degli accompagnatori. Su Facebook il club ha espresso il proprio cordoglio per la tragica scomparsa di Leo e la vicinanza al padre del dodicenne.

Papà Stefano faceva parte dello staff: il dodicenne viveva a Galliate, grave un altro baby calciatore

“Il Presidente, Luigi Blasi, i dirigenti e tutto lo staff tecnico, dalla prima squadra al Settore Giovanile e la Scuola Calcio, tutti gli atleti di ogni età e squadra, sono affranti dal dolore per la scomparsa del piccolo Leo si stringono con affetto a Stefano per la tragedia che lo ha colpito. Esprimiamo a Stefano e ai suoi familiari il nostro cordoglio e la nostra vicinanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.