Dazn, codice alfanumerico durante le partite: non è un errore, ecco a cosa serve
8 Novembre 2021
Salvini – Ghali, scintille in tribuna vip durante Milan-Inter sotto lo sguardo di Maldini (VIDEO)
8 Novembre 2021

Strage sulla statale Triestina: distrutta una famiglia di Jesolo, chi erano le 4 vittime

Una famiglia distrutta nel tragico incidente verificatosi nella notte tra domenica 7 e lunedì 8 novembre sulla strada statale Triestina nel territorio località Portegrandi nel comune di Quarto d’Altino. Per cause in corso d’accertamento due vetture, una Ford Focus e una Toyota, si sarebbero scontrate frontalmente intorno all’una di notte all’altezza del km 17, nei pressi del rettilineo della Conca di Portegrandi. Gravissimo il bilancio con 4 persone decedute nel violento impatto.

Lo scontro frontale è avvenuto a Conca di Portegrandi nel comune di Quarto d’Altino: distrutta una famiglia di origini rumene

Nell’incidente hanno perso la vita una famiglia di Jesolo (padre, madre e figlia) e la giovane conducente dell’altra vettura. Un quinto occupante è invece rimasto ferito ed è stato trasferito in ospedale. A bordo della Toyota viaggiava una famiglia di origini rumene. Tatiana Celina Ciobanu, classe 1981 e alla guida della vettura, Francis Marita Ciobanu, classe 1976, e Diana Francesca, classe 2000, da tempo vivevano a Jesoio. Sull’altra vettura c’era la ventinovenne indiana Piaser Jytina, residente a Mestre. Sul posto sono intervenute pattuglie della Polizia, mezzi dei vigili del fuoco e del Suem per soccorrere le persone coinvolte nel sinistro e per la messa in sicurezza dell’arteria stradale.

Incidente fatale ad una 29enne indiana residente a Mestre

I pompieri arrivati da Mestre con tre squadre hanno recuperato l’auto finita nel fossato dopo il violento scontro ed estratto gli occupanti. Nonostante i tentativi di rianimazione il medico del SUEM ha dovuto dichiarare la morte delle persone coinvolte nell’incidente. La strada è rimasta chiusa al traffico fino alle 4 di notte quando si sono concluse le operazioni di soccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri di San Donà di Piave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *