Michele Merlo
Michele Merlo poteva salvarsi, la super perizia cerchia in rosso la prima diagnosi
31 Agosto 2022
GF Vip, Patrizia Rossetti dice sì a Signorini e fa tris
31 Agosto 2022

Muore a 16 anni ad una festa dopo aver inalato gas esilarante a Leamington Spa

La 16enne Kayleigh Burns è morta dopo aver inalato gas esilarante il 4 giugno. La giovane era asmatica , è crollata a una festa in casa a Leamington Spa, nel Warwickshire, poco dopo essere stata filmata mentre inalava gas esilarante. La causa specifica della sua morte non è stata ancora rivelata. 

Kayleigh Burns era asmatica, si è sentita male dopo aver inalato protossido di azoto

Sulla vicenda sta indagando la polizia del Merseyside che stanno acquisendo una serie di elementi che saranno utili a determinare responsabili e cause del decesso. La sera della tragedia la sorella, la 31enne Clare Baker, è stata informata da alcuni amici della minore, avrebbe compiuto 17 anni pochi giorni dopo, che era stata ricoverata in ospedale. Poco dopo la polizia del Merseyside si è presentata a casa per comunicare la ferale notizia del decesso della giovane.

“Era una ragazza straordinaria. Il legame che avevamo, non riesco nemmeno a descriverlo. Kayleigh è cresciuta e ha avuto una buona infanzia ed era in una famiglia amorevole. Sulla sua strada purtroppo ha trovato frequentazioni sbagliate. Era interessata al trucco, alla moda e voleva viaggiare per il mondo. Voleva fare la hostess o lavorare sulle crociere. Dovrebbero vietare la vendita del gas esilarante ai minori” – ha riferito la sorella nell’intervista concessa al DailyMail.

Kayleigh Burns

La rabbia della sorella: ‘Dovrebbero vietare la vendita del gas esilarante’

Di recente la 16enne si era trasferita a Coventry dove viveva con il suo fidanzato. Le persone che hanno partecipato alla festa in casa hanno inoltrato le registrazioni dell’adolescente asmatico che assumeva protossido di azoto alla famiglia di Kayleigh Burns. In seguito ha riferito di sentirsi “molto calda” prima di crollare e richiedere un’ambulanza. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *