Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg sul surf alle Hawaii, ironia su Twitter per la crema: ‘Sembri Joker’ (FOTO)
20 Luglio 2020
influencer russa morta
Psicologa è stata trovata morta in un hotel di Mosca senza vestiti: ‘Aveva due Bentley’, l’ipotesi dei debiti
20 Luglio 2020

Neonato abbandonato a Bari nella culla termica della chiesa: il messaggio dei genitori, parroco in lacrime

bimbo ritrovato culla termica Bari

Cinque anni fa una bimba fu ritrovata morta su una spiaggia di Monopoli. Quella triste vicende segnò un’intera comunità e spinse don Antonio Ruccia ad installare una culla termica – in collaborazione con il reparto di Terapia intensiva neonatale del Policlinico – nella chiesa San Giovanni Battista di Bari per evitare nuove vittime innocenti perché indesiderate dai genitori naturali.

Don Antonio Ruccia aveva fatto installare la culla termica dopo la morte di una bimba

Non dovrà accadere mai più una cosa del genere” – disse all’epoca il sacerdote. Domenica mattina, 19 luglio, quella culla ha trovato un piccolo ospite. “Lui è Luigi: piccolo, mamma e papà ti ameranno per sempre” – il bigliettino lasciato nella culla del bambino. Don Antonio Ruccia ha spiegato che il suo cellulare è collegato alla culla termica e quando l’ha sentito squillare ha iniziato a palpitare.

Il messaggio in culla: ‘Lui è Luigi, papà e mamma ti ameranno per sempre’

“Tremavo, mi sono catapultato nell’area dov’è installata ed ho visto questa meravigliosa creatura che strillava” – ha spiegato precisando di aver trovato il bambino curato (indossava una tutina a fasce bianche e azzurre) e in buone condizioni. “Dopo aver letto il bigliettino non sono riuscito a trattenere le lacrime”. Subito dopo il sacerdote ha allertato il 118 che ha trasportato il piccolo al reparto di Neonatologia del Policlinico di Bari diretto dal professore Nicola Laforgia.

‘Non sono riuscito a trattenere le lacrime dopo aver letto il biglietto’

“Non vorrei parlare di abbandono, è stato un atto di amore quello dei genitori che hanno lasciato il proprio figlio in un posto dove erano sicuri che sarebbe stato accolto e curato” – ha affermato il primario sottolineando di aver trovato Luigi in buone condizioni. “E’ stata una grande emozione per tutti noi. Voglio interpretare quello che è accaduto come un segnale di speranza dopo quello che abbiamo vissuto nella fase acuta della pandemia da coronavirus”.

Trasferito al Policlinico di Bari: ‘Il piccolo è in buone condizioni, non vorrei parlare di abbandono’

Nel frattempo è stato aperto un fascicolo di inchiesta da parte del Tribunale per i minorenni con i carabinieri che hanno già ascoltato don Antonio Ruccia. In seguito verrà nominato un tutore legale per il bambino fin quando non sara scelta una nuova famiglia per Luigi.

don Antonio Ruccia con Luigino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *