Pescara, coppia audace senza limiti sul pontile della spiaggia e davanti ai bagnanti: il video è virale
3 Settembre 2019
Salernitana, Thomas Heurtaux accolto da Alessio Cerci: il video su Stories (VIDEO)
3 Settembre 2019

Alle 18 si sono concluse le votazioni sulla piattaforma Rousseau al termine di una giornata fatta di attese, di proclami, moderata fiducia ma anche perplessità. Alla fine hanno prevalso nettamente i alla nascita del nuovo Governo con il Pd e con Giuseppe Conte premier. “L’80% ha votato per il Sì” – ha riferito Di Magio. Nel dettaglio la nota del Blog delle Stelle: “Alle ore 18 di oggi martedì 3 settembre, si è chiusa la votazione su Rousseau per decidere se il MoVimento 5 Stelle ha lasciato lontano un Governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte. Di seguito gli esiti delle votazioni certificati dalla Notaio che ha assistito alla procedura di voto e non ha garantito la regolarità:

Visualizza articolo

SI – 63.146 voti (79,3%)

NO – 16.488 voti (20,7%)

Nel corso di questa votazione è segnato un nuovo record nella storia di Rousseau (il precedente di maggio 2019 era di 56.127 voti). Dalle 9 alle 18 hanno infatti espresso la propria preferenza 79.634 iscritti, su una base di cui avere diritto, alla mezzanotte del 2 settembre 2019, ha raggiunto il numero di 117.194 iscritti. È un record mondiale di partecipazione e una votazione politica online in un solo giorno”.

Nelle scorse ore Luigi Di Maio aveva comunicato che il Movimento 5 Stelle era disposta a rinunciare al ruolo di vice premier chiudendo, di fatto la querelle che sembrava di fatto bloccare il battesimo del governo giallorosso. Alle 13 Davide Casaleggio aveva riferito che avevano votato oltre 56 mila iscritti alla piattaforma.

Alle 19, un’ora dopo la chiusura delle votazioni, il Movimento 5 Stelle non aveva ancora diffuso i risultati che poi sono stati annunciati, come riferito, da Luigi Di Maio alle 19:25. “Quei venti punti sui quali ho alzato un po’ la voce sono entrati tutti nel nuovo programma di governo ad iniziare dal taglio dei parlamentari”. Annunciata anche la conferenza stampa di Davide Casaleggio. Stesso discorso per il Pd che aveva proposta di eliminare il ruolo di vice Presidente del Consiglio. Dal canto suo il Premier incaricato, Giuseppe Conte, aveva chiarito di non essere espressione del Movimento 5 Stelle. Nel frattempo sono proseguiti gli incontri tra i capi gruppo dei due partiti chiamati a formare la coalizione di governo e il Presidente del Consiglio in pectore. “Abbiamo lavorato bene e siamo praticamente alla fine” – ha affermato Graziano Del Rio dopo l’incontro con il Premier.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *