Vincenzo De Luca
De Luca non fa sconti: la decisione su librerie, cartolerie e negozi per bambini
12 Aprile 2020
Gianni Sperti Tina Cipollari
Uomini e Donne, Gianni Sperti festeggia 47 anni e Tina si scatena in diretta Ig (VIDEO)
13 Aprile 2020

Scuole rimandate a settembre ? L’ipotesi è stata confermata nel corso della puntata di ieri sera di Che Tempo che Fa durante la quale è intervenuto il presidente del Consiglio Superiore di Sanità (CSS), Franco Locatelli, che ha fatto una serie di precisazioni in relazione alla fase 2 dell’emergenza coronavirus che dovrebbe iniziare il 4 maggio.

Franco Locatelli a Che Tempo che Fa: ‘Fondamentale lo studio di sieroprevalenza’

“Lo studio di sieroprevalenza è assolutamente fondamentale per definire quella che è la diffusione epidemica e per acquisire informazioni quale percentuale di popolazione ha sviluppato anticorpi contro Sars Covid 2 ed è in fase di validazione la scelta del test che sarà più appropriato”.

Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità: ‘Le mascherine facciali possono conferire una certa protezione

Per quanto concerne le mascherine facciali il presidente del Consiglio Superiore di Sanità ha precisato che possono conferire una certa protezione e possono essere di una certa utilità quando si resta in locali chiusi e non si possa mantenere il distanziamento.

“ Per quanto concerne l’eventuale riapertura delle scuole a maggio Locatelli, sottolineando che la decisione finale spetta al Ministro della Pubblica Istruzione, si è mostrato scettico su quest’eventualità.

‘Credo si possa fare una riflessione per posticipare la riapertura all’inizio del prossimo anno scolastico

“Personalmente credo che si possa fare una riflessione per posticipare la riapertura all’inizio del prossimo anno scolastico”. In buona sostanza per il presidente del Consiglio Superiore di Sanità si dovrebbe tornare sui banchi solo a settembre con tutte le precauzioni del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *