Terremoto Umbria oggi 15 maggio, scossa di magnitudo 3.9 con epicentro Gubbio, paura tra i residenti
15 Maggio 2021
Ufo
Ufo si inabissa davanti ad una nave da guerra Usa: il Pentagono conferma l’autenticità del video
15 Maggio 2021

Toni Pipitone a Quarto Grado: ‘Denise è figlia mia, stravedeva per me e me la devono riportare’

Toni Pipitone

“Sono stato messo in mezzo, io sono Pipitone e me la devono riportare indietro”. Toni Pipitone ha rotto il lungo silenzio ed ha concesso una lunga intervista a Quarto Grado. “All’epoca ero il marito della signora e Denise era figlia mia. Stravedeva per me” – ha spiegato l’ex consorte di Piera Maggio che ha riferito di aver sempre considerato la piccola, scomparsa da Mazara del Vallo il 1° settembre 2004, come figlia.

L’ex marito di Piera Maggio: ‘Fino alla notte prime Denise dormiva con me’

“Avevo il fuoristrada decapottabile e lei quando veniva con me era contenta. Voleva andare in spiaggia e la portavo lì, abbiamo vissuto momenti bellissimi. Fino all’ultima notte ha dormito con me, mi diceva papà non diventerai mai vecchio, non morirai mai. Voleva che non mi addormentassi prima di lei perché aveva paura del buio. Ma che vogliamo che io penso che non è figlia mia”.

Tony Pipitone ha riferito che non aveva alcun sentore che potesse verificare una situazione del genere. “La sera prima mi sono messo al divano e Kevin, l’altro bambino veniva sopra di me e mi diceva papà ti voglio bene, e Denise, che era sull’altro divano, appena vedeva questo veniva, lo allontanava e diceva papà è mio e si metteva al posto suo”.

‘Quando è sparita, ho iniziato a girare a casaccio per le strade’

Toni Pipitone ha spiegato di non aver mai notato atteggiamenti strani. “Con me la bambina era sempre allegra. Non andava con nessun estraneo, stava sempre con i familiari. Denise non è stata vista più dalle 11:30 in poi. Ho iniziato a girare per Mazara del Vallo, andavo a casaccio per le strade” – ha aggiunto Tony Pipitone precisando che non ha mai sospettato di nessuno.

Toni Pipitone: ‘Se la trovano devono avvertirmi immediatamente’

“Le piste erano tante. Si andava a cercare nei pozzi, dai rom, nelle campagna. C’è stata una cattiva organizzazione. Io so soltanto che mi manca la bambina e se si trova devo essere immediatamente avvertito perché è figlia mia”.

L’intervista di Toni Pipitone a Quarto Grado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *