WhatsApp chat hacker
WhatsApp, truffe on line: torna l’incubo Olivia, nuove segnalazioni e rischi
19 Novembre 2019
d'abbraccio bacio live non è la d'urso
Milly D’Abbraccio senza intimo dalla D’Urso, il bacio passionale con Laura Desiree
19 Novembre 2019

Trigone, il suo veleno può essere mortale: ecco cos’è, il dramma di un 12enne

trigone animale veleno

Paralizzato dopo essere colpito al collo dal pungiglione di un trigone in Costarica. La drammatica vicenda del dodicenne, trasportato dal paese centro americano all’ospedale Maggiore di Bologna, ha acceso i riflettori su questa specie marina e sulle conseguenze di un suo attacco. Nel dettaglio il trigone è conosciuto comunemente anche come pastinaca ed è una specie diffusa particolarmente nell’Oceano Atlantico settentrionale, dalla Norvegia fino al Mar Baltico ma anche nelle Canarie e nel Mar Nero.

Trigone, cos’è e rischi

Si trova anche sui fondali del Mar Mediterraneo. Per quanto concerne le caratteristiche il Trigone ha una forma simile a quella del rombo ed assomiglia ad una mantra. Ha la coda sottile e lunga (fino a 40 centimetri) dotata di un aculeo velenoso dentellato. In genere la pastinaca viene considerata una specie marina docile e che attacca solo se si sente in pericolo. In tal caso porta la coda a frusta avanti e penetra i tessuti con il velenoso pungiglione.

Le ghiandole velenifere della pastinaca

Le ghiandole velenifere di questa specie secernono una sostanza composta da serotonina, che provoca contrazioni muscolari, e due enzimi (5-nucleotidasi e fosfodiesterasi) che distruggono le cellule. I sintomi, inizialmente simili ai crampi, si avvertono prima nella zona colpita dal pungiglione e poi in tutto il resto del corpo provocando un intenso dolore. Può essere pericoloso ed avere anche conseguenze mortale se la pastinaca colpisce la colonna vertebrale o l’area toracica. Il dodicenne costaricano è stato colpito dal trigone mentre stava giocando nell’acqua con il fratello maggiore.

12enne costaricano trasportato a Bologna paralizzato: ora muove braccia e una gamba

Dopo la lesione è stato trasportato all‘ospedale Maggiore di Bologna dove, dopo le prime cure, sembrano esserci segnali confortanti con il ragazzino che ha iniziato a muovere le braccia ed una gamba. Nel 2006 il cacciatore di coccodrilli, Steve Irwin, morì in seguito ad una puntura di trigone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *