Arisa, il singolare casting di nozze con foto senza veli: i requisiti richiesti, sul web monta la polemica
28 Agosto 2023 - 15:12
Omicidio in tabaccheria a Foggia, Francesca Marasco uccisa a coltellate: ‘Una donna gentile’
28 Agosto 2023 - 16:22

Ucciso con colpo di fiocina a Sirolo: il killer va a fare pesca subacquea dopo il delitto, poi si dispera

Nel video diventato virale, probabilmente girato da un residente di Falconara Marittima, in provincia di Ancona, i carabinieri immobilizzano il 27enne algerino Melloul Fatah, ucciso per l’omicidio di Klajdi Bitri, un 23enne albanese, residente ad Ancona, ammazzato con un colpo di fiocina a Sirolo per una banale lite stradale. 

Il 27enne Melloul Fatah pensava di non aver ucciso l’operaio residente ad Ancona: le grida disperate in un video

Uno dei militari gli intima “mettiti giù, mettiti giù”, facendolo stendere a terra. L’altro carabiniere, che impugna il taser, gli dice “hai ammazzato un ragazzo”. A quel punto Melloul Fataho nega, ripete “noo, noo”, si dispera. I carabinieri chiamano la centrale al cellulare: “lo abbiamo preso, lo abbiamo preso, ce lo abbiamo noi, avvisa tutti”. La caccia all’uomo è durata circa 4 ore. L’arrestato, stando all’audio del video, sembra non essersi reso conto di aver commesso un omicidio. Si rivolge alla fidanzata, una ragazza bruna, dicendole “amore vai in casa. Amore scusa, scusa”. 

Mestre, Lorenzo Nardelli trovato morto in ascensore: non era un furto, fermati due cugini

Un carabiniere chiede alla ragazza “il fucile con la fiocina dove sta?” e lei indica una busta di plastica a terra. Poi arrivano altre pattuglie a sirene spiegate, una in borghese, scendono altri carabinieri e fanno salire su un’auto di servizio l’arrestato. L’arma del delitto è stata caricata in un borsone scuro.

Klajdi Bitri era intervenuto per difendere un amico pestato dall’algerino per questioni di viabilità a Sirolo

Klajdi Bitri, operaio che lavorava in un’azienda dei cantieri navali, era intervenuto per difendere un amico, un giovane papà, pestato di botte dal killer alla rotatoria in via Cilea, a Sirolo. Dopo il delitto l’algerino è ripartito a bordo di un’Opel Zafira, convinto di non aver ucciso Klajdi Bitri, per andare a fare pesca subacquea prima di essere acciuffato e bloccato con il taser dai carabinieri.

L’interrogatorio in caserma, ad Osimo, è durato 4 ore (l’intera notte) con Melloul Fatah che si è avvalso della facoltà di non rispondere. L’uomo è accusato di omicidio volontario. Al momento resta estranea alle indagini la fidanzata del 27enne, che era con lui.

Renato Valdescala
Renato Valdescala
Esperienza nello sport e nella cronaca locale con quotidiani salernitani dal 1990. Con il tempo si è dedicato alla cronaca estera analizzando i fatti di maggiore rilievo con spirito critico e irriverente. Si occupa anche di approfondimenti di cronaca nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *