Costa Azzurra, amanti focosi sul balcone: il parapetto cede e la coppia fa un volo di oltre 3 metri, i dettagli
21 Agosto 2019
Terremoto Roma stasera, scossa di magnitudo 3.4 sul litorale: attimi di paura da Ostia a Ladispoli
21 Agosto 2019

Voli cancellati Ryanair sciopero: ecco cosa cambia dopo la decisione dell’Alta Corte (aggiornamenti)

Arrivano buone notizie per Ryanair e per coloro che nel prossimo week end dovranno partire dalla Gran Bretagna. Come riferito dai media inglesi l’Alta Corte di Dublino ha concesso “un’ingiunzione per bloccare lo sciopero di 48 ore pianificato dai suoi piloti con base in Irlanda. Uno stop che avrebbe creato enormi disagi in vista del prossimo frenetico fine settimana, l’ultimo di agosto che, nel Regno Unito, coincide con la festa delle banche. Con questo provvedimento è stato nei fatti bloccata -almeno temporaneamente- l’azione di sciopero pianificata da 180 piloti Ryanair membri dell’Associazione dei piloti della linea aerea irlandese. Il tribunale ha recepito le argomentazioni legali avanzate da Ryanair. In particolare è stato posto l’accento sul particolare che il sindacato non avesse consentito il completamento di un processo di mediazione prima di annunciare lo sciopero. Dopo la sentenza la compagnia low cost ha manifestato la propria soddisfazione per la decisione dell’Alta Corte attraverso un tweet: “L’ingiunzione impedisce che una “piccola minoranza” di piloti irlandesi colpisca, “il che rappresenterà un enorme sollievo per migliaia di passeggeri irlandesi e le loro famiglie durante l’ultima settimana delle vacanze scolastiche”. In ogni caso non sono da escludere nuovi colpi e coloro che hanno programmato di partire nelle prossime ore possono in ogni caso restare aggiornati collegandosi sul sito ufficiale di Ryanair e controllando lo stato volo.

Aggiornamento: l’Alta Corte di Londra, a differenza di Dublino, ha dato il via libera allo sciopero. Di conseguenza si crea una situazione paradossale con due provvedimenti opposti in merito allo stesso contenzioso con il risultato che in Irlanda lo stato di agitazione per il 22 e 23 agosto mentre nel Regno Unito è stato riconosciuto il diritto dei piloti a protestare. Dall’altra parte Ryanair, attraverso un tweet, ha parlato di proteste ingiustificate da parte dei capitani e che non dovrebbero esserci particolari problemi per i viaggiatori se non alcuni ritardi. In ogni caso la situazione sarà costantemente aggiornata sul sito ufficiale della compagna low cost.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *