Juan Carrito morto investito, l’orso marsicano era il simbolo dell’Abruzzo: virali le sue scorribande (VIDEO)
23 Gennaio 2023
Emanuela Orlandi, Fedez a Muschio Selvaggio: ‘Non l’hanno mai trovata’, ride e poi si scusa (VIDEO)
24 Gennaio 2023

Yana Malayko, si cerca il corpo: ex in silenzio, la telefonata della sorella, l’appello della madre della vittima

Ho visto sangue dappertutto ma Yana non c’è“. Allarmata dalla telefonata di Dumitru Stratan la sorella, Cristina, si era recata immediatamente nell’abitazione di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, nella speranza che il congiunto non avesse compiuto il delitto che gli aveva confessato a telefono.

Si cerca il corpo della 23enne a Castiglione delle Stiviere, la sorella di Dumitru Stratan: ‘Ho visto sangue dappertutto’

Il 33enne avrebbe raccontato di aver tolto la vita alla 23enne Yana Malayko anche ad un amico. Una volta giunta nell’appartamento ubicato sopra il bar di sua proprietà, Event coffee, ha trovato tracce di sangue e il fratello che riposava nel salotto di casa.

Senza esitare ha contattato i carabinieri che hanno tratto in arresto il moldavo che, dopo le formalità di rito, è stato condotto al carcere di Mantova. L’uomo, che non accettava la fine della relazione con Yana, non ha risposto alle domande degli inquirenti che da quattro giorni cercano l’ucraina di Cernivci, ai confini con la Romania.

Yana Malayko

Il 33enne moldavo ripreso da una telecamere di videosorveglianza mentre trasporta un sacco

Una telecamera di videosorveglianza ha ripreso Dumitru Stratan mentre usciva dall’abitazione trascinando un grosso sacco della spazzatura che ha poi caricato nel bagagliaio della Mercedes con l’analisi delle celle telefoniche che localizzano una zona di campagna nell’area di via Albania il luogo dove il 33enne si sarebbe disfatto del cadavere. Qui Dumitru sarebbe stato aiutato da un residente a spingere l’auto, rimasta impantanata.

Le ricerche, finora infruttuose, si sono concentrate sul laghetto in località Valle che è stato perlustrato dai sommozzatori. Impiegati anche i droni ed un elicottero che ha ispezionato la zona al confine tra la provincia di Mantova e quella di Brescia. La mamma di Yana Malayko, Tatiana Serbenchuk, residente in Canada, ha lanciato un appello: “Ridateci nostra figlia, l’ultima volta che l’ho sentita era contenta e aveva deciso di andarsene, negli ultimi mesi si è spesso lamentata del suo compagno” – ha riferito alla Gazzetta di Mantova.

La madre di Yana: ‘Ridateci nostra figlia’, il padre: ‘Dumitru pensava solo all’alcol ed agli amici’

Il papà di Yana, Oleksander Malayko, ha sentito per l’ultima volta la figlia giovedì 19 gennaio. “Aveva deciso di chiudere quella relazione perché Dumitru non era serio, pensava solo agli amici e all’alcol e non voleva una famiglia. Gli aveva dato un ultimatum, ma lui non era cambiato. Era il mio sole, Dumitru dica dove si trova o almeno dove si trova il suo corpo” – ha raccontato a Fanpage precisando che la figlia era venuta in Italia per problemi di salute.

“Aveva fatto due interventi senza successo in Ucraina, i medici italiani l’hanno salvata. Da allora ha deciso di vivere con la nonna a Romano di Lombardia“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *