Buon onomastico Adolfo, oggi 17 giugno: immagini e gif di auguri da inviare via social
17 Giugno 2022
Isola dei Famosi, allarme Nicolas Vaporidis: l’attore in infermeria
17 Giugno 2022

Quando chiamare un fabbro: ecco i casi in cui è davvero necessario

Nella vita di tutti i giorni può certamente capitare di avere qualche lavoretto domestico che deve essere svolto. In alcuni casi, però, l’incombenza diventa molto più complesso, a maggior ragione se riguarda la porta di casa.

Ci sono delle situazioni, infatti, in cui l’unica soluzione è chiamare una persona esperta come un fabbro, in modo tale da trovare il danno ed effettuare la riparazione nel più breve tempo possibile. Come si può facilmente intuire, è anche una mera questione di sicurezza, dato che restare per diversi giorni con la porta di casa che non si chiude o che non funziona bene, è sempre un gran bel rischio, a maggior ragione nel caso in cui non ci sia nessuno all’interno delle mura domestiche.

Proviamo a dare un’occhiata a tutte quelle situazioni che hanno carattere di urgenza e che prevedono inevitabilmente di fare ricorso a un professionista come quelli che si trovano sul portale Fabbroetruria.it per risolvere la situazione. Attenzione, ovviamente, a scegliere un fabbro che abbia una certa esperienza, magari facendosi consigliare da qualche amico o parente che si è già servito del suo lavoro in passato.

Perdita delle chiavi o si è rimasti chiusi fuori casa

Sono le situazioni più “Fantozziane”, ma che in realtà possono capitare di frequente e sono in ogni caso in grado di generare un bel po’ di ansia e preoccupazione. Ad esempio, non riuscire a fare ritorno nel proprio appartamento è decisamente fastidioso, a maggior ragione, ad esempio, nel cuore della notte.

Farsi prendere dal panico è l’ultima cosa da fare, dato che è sempre meglio evitare di combinare guai peggiori, magari pensando di salire dalla finestra: non vale la pena farsi male per rientrare in casa. In questi casi, dovreste contattare prima di tutti chi ha una chiave di scorta e poi, nel caso, fare richiesta al fabbro che può intervenire in emergenza.

Meglio attendere sempre e comunque che arrivi in vostro soccorso un professionista più esperto e competente, evitando di andare per tentativi. Anche in questo caso, il pericolo principale è quello di provocare guai ancora peggiori alla porta o alla serratura della stessa, che comporteranno un esborso ancora maggiore in seguito.

Il discorso è un po’ più complesso nel momento in cui si perdono le chiavi. In questo caso, è fondamentale più che altro provvedere immediatamente alla sostituzione della serratura della porta di casa. Un comportamento che consentirà, da un lato, di evitare che qualche malintenzionato che ha trovato le chiavi possa entrare e, dall’altro, di essere anche un po’ più tranquilli dopo lo spavento e l’ansia iniziali.

Cosa succede quando la serratura si blocca

Ecco un’altra casistica che capita piuttosto di frequente. Spesso e volentieri, peraltro, succede che la chiave della porta di casa rimanga bloccata proprio nei giorni e nei momenti in cui si ha più fretta.

Sono diverse le motivazioni che stanno alla base di un problema del genere occorso alla porta della propria abitazione. Ad esempio, può capitare che la chiave della porta di casa non giri del tutto all’interno della serratura, oppure che sia rimasta proprio bloccata. In questi casi, tutto ciò che bisogna fare è evitare di forzare ancora di più la rotazione della chiave, dal momento che il rischio principale che si corre è quello che si rompa all’interno del sistema di blocco. In queste situazioni, quindi, l’unica cosa che si può fare è far intervenire un fabbro in maniera urgente.

Può capitare anche che il meccanismo di blocco sia difettoso. In questi casi, la colpa può essere sia dell’usura che di un danno accidentale. Spesso e volentieri, la sostituzione deve comprendere l’intero meccanismo di blocco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.