Padova, la festa per le nozze d’oro finisce nel dramma: focolaio di Covid e 4 anziani in terapia intensiva
28 Ottobre 2021
Il caso Alec Baldwin ‘sbarca’ a Salerno: Pomeriggio 5 allo Shooting Range (VIDEO)
29 Ottobre 2021

Alberto Matano: ‘L’ho provato sulla mia pelle’, l’esperienza dolorosa raccontata dopo un servizio sull’omofobia: il web s’interroga (VIDEO)

Con voce commossa Alberto Matano ha fatto cenno ad un vicenda personale dopo che era stato mandato in onda a La vita in diretta un servizio dedicato all’omofobia. Un’esperienza che è stata letta da alcuni come un coming out mascherato ma il giornalista, durante l’intervento, ha parlato solo di una dolorosa esperienza.

Riavvolgendo il nastro durante la puntata di giovedì 28 ottobre de La vita in diretta si è parlato dell’approvazione della tagliola che ha stroncato il DDL Zan e dell’esultanza dei senatori a Palazzo Madama con Rita Della Chiesa e Nunzia De Girolamo che hanno parlato della sofferenza di tante persone che vengono discriminate, insultate e picchiate per questioni legate all’orientamento sessuale. Successivamente il conduttore ha mandato in onda un servizio con alcune testimonianze dirette di chi è stato vittima di omofobia.

Matano a La vita in diretta parla delle vittime di omofobia: ‘Storie come queste fanno male, è successo anche a me da adolescente’

“Devo dire che storie come queste mi fanno particolarmente male perché è successo anche a me quando ero adolescente. L’ho provato sulla mia pelle, quindi so cosa significa. Mi auguro che con il contributo di tutti su un tema così importante ci possa essere un supplemento di riflessione” – ha affermato Alberto Matano, inquadrato in primo piano, al termine del servizio.

L’associazione con il servizio precedente sull’omofobia ha fatto pensare ad un coming out del giornalista che in realtà ha fatto genericamente riferimento a spiacevoli vicende vissute sulla sua pelle. Visto il polverone mediatico sollevatosi non è da escludere che nelle prossime ore il conduttore de La vita in diretta chiarisca l’equivoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *